Scritto Marted́ 06 marzo 2018 alle 08:21

A Calolzio la Lega in festa, con un senatore e un consigliere regionale. Ghezzi verso la candidatura per le comunali

Lunedì sera - dopo una giornata passata ai seggi - ci siamo intrufolati nella sede della Lega di Calolzio. L'entusiasmo, manco a dirlo, era alle stelle: i calolziesi hanno visto la riconferma al senato dell'ex sindaco Paolo Arrigoni ma anche l'elezione di Flavio Nogara al consiglio regionale.
Nella centralissima piazza Regazzoni si sono ritrovati tutti i militanti, vecchi e nuovi, del partito: sia gli storici sostenitori che "mandano avanti" da 26 anni la sezione, dai tempi di Bossi e della Padania, ai più giovani che hanno fatto il loro ingresso da poco, seguendo il nuovo corso disegnato da Matteo Salvini.

Paolo Arrigoni, Marco Ghezzi e Luca Caremi

"Siamo orgogliosissimi di questo risultato. Devo ringraziare tutti i nostri militanti per l'enorme impegno con cui hanno lavorato per tutti questi mesi di campagna elettorale" ha sottolineato il segretario cittadino Luca Caremi. "Questa sera festeggiamo, ma il lavoro non è ancora finito: dobbiamo continuare ancora per conquistare prima Calolzio e l'anno prossimo tutta la Valle San Martino: Carenno, Erve e Monte Marenzo".
Fra un paio di mesi (probabilmente il 27 maggio) si dovrà eleggere il nuovo primo cittadino di Calolziocorte. Il nome del candidato non è ancora stato ufficializzato: "Abbiamo individuato la nostra punta di diamante, noi siamo pronti" si è limitato a sottolineare il senatore Arrigoni.

A sinistra Flavio Nogara

Ma è praticamente scontato che si tratterà dell'attuale capogruppo Marco Ghezzi, già candidato alle passate amministrative.  Toccherà a lui provare a riconsegnare il municipio di piazza Vittorio Veneto al Carroccio con un'alleanza costruita insieme con Forza Italia e Fratelli d'Italia. In lista - assicurano i beninformati - potrebbe anche esserci l'ex vicesindaco Aldo Valsecchi. Per ora non è invece sciolto il nodo dell'alleanza con Dario Gandolfi.
La Lega esce fortissima da questa tornata elettorale. A Calolzio alle regionali Attilio Fontana ha totalizzato 4.145 voti, ovvero il 51,59%. Il movimento, da solo, ha sfiorato il 37%, addirittura triplicando i voti di Forza Italia (ferma al 12,09). E non è un dato da sottovalutare. Calolzio è la patria di Michela Vittoria Brambilla ed anche di Roberto Gagliardi (candidato al Pirellone) che tuttavia, pur giocando in casa, ne escono sostanzialmente sconfitti.

Nella sede del Carroccio l'ottimismo era palpabile. Tra un brindisi e qualche pasticcino (preparato ovviamente da Cristina Valsecchi...) si guarda già a maggio quando i calolziesi si ritroveranno di nuovo ai seggi.
A fare il gioco del centro-destra sono anche le divisioni del centrosinistra calolziese: in casa Pd la frattura tra la segreteria cittadina guidata da Roberto Monteleone e i lealisti del sindaco uscente Cesare Valsecchi è tutt'altro che sanata. Alle 22.00, letteralmente accolto da cori da stadio, nella sede di Piazza Regazzoni ha fatto il suo ingresso il neo-consigliere regionale Flavio Nogara.

Luca Caremi e i suoi uomini hanno già iniziato a scaldare i motori per l'ultima corsa elettorale. "Vi prometto che porterò Salvini a Calolzio" ha assicurato Arrigoni, chiudendo il brindisi con un inequivocabile: "Viva la Lega! Viva Salvini! Viva Ghezzi!".
A buon intenditor...
P.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF