Scritto Luned́ 14 gennaio 2019 alle 21:39

Lecco: anche Papa Francesco in consiglio, con le rassicurazioni sull'ex Leuci e la Carducci

Il messaggio del Papa in Aula
“Beato il politico che ha un’alta consapevolezza e una profonda coscienza del suo ruolo, la cui persona rispecchia la credibilità. Beato il politico che lavora per il bene comune e non per il proprio interesse; che si mantiene fedelmente coerente. Beato il politico che realizza l’unità, che è impegnato nella realizzazione di un cambiamento radicale. Beato il politico che sa ascoltare; beato il politico che non ha paura”. Questo il messaggio lanciato da papa Francesco in occasione della 52° giornata mondiale della pace: delle parole che il presidente del Consiglio comunale Giorgio Gualzetti ha fatto apporre all’interno dell’aula consiliare di Palazzo Bovara. Aula dove, prima di dare avvio ai lavori del Consiglio, si sono affrontati due nodi importanti per la città.
L’assessore all’Ambiente Alessio Dossi ha comunicato alcuni aggiornamenti rispetto al piano di bonifica dall’amianto in corso nell’area Leuci: “Lo scorso 14 dicembre l’Ats ha inviato al Comune un aggiornamento sullo stato dell’arte come previsto dal protocollo. Nel documento si legge che si è conclusa la bonifica del lotto 4 e sono in corso dei rilevamenti per determinare la qualità dell’area. Una volta che sarà effettivamente dichiarata bonificata l’area relativa al lotto 4, si procederà con i lotti 2, 3 e 5”. A tal proposito Massimo Riva, rappresentante del Movimento 5 stelle, ha chiesto che si intervenga al più presto sulle coperture dei tetti “che sono degradate e ad ogni ondata di mal tempo cadono in strada”. Via questa non percorribile secondo l’assessore: “L’Ats ha stabilito che bisogna partire dalla parte interna, friabile, altrimenti il rischio è quello di peggiorare la situazione e basta”.
È ancora il pentastellato a riportare l’attenzione sulla questione della scuola Carducci di Castello, dove in questo giorni insegnanti e genitori hanno sollevato seri dubbi sulla stabilità dell’edificio, arrivando a non mandare i propri figli a lezione. “Sono emersi ulteriori elementi? Quali sono le intenzioni dell’Amministrazione?” ha chiesto Riva. L’assessore ai Lavori pubblici Corrado Valsecchi ha assicurato che “sono quattro giorni che con i tecnici  lavoriamo per eseguire sopralluoghi e verifiche. È emerso che non ci sono problemi strutturali e l’ingegnere che a dicembre ha redatto la relazione tecnica ha confermato quanto espresso lì”. Qualche precisazione sul punto anche da parte del sindaco Virginio Brivio: “Quella scuola ha sempre avuto problemi legati alla vetustà, ma complessivamente l’edificio è agibile. Noi continueremo a fare indagini, però devo segnalare la gravità del fatto che alcuni insegnanti e genitori, in base a valutazioni soggettive e a fronte di un generico sospetto alimentato da persone non competenti, hanno interrotto e modificato un servizio pubblico”.
M.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF