Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.896.158
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 12 ottobre 2015 alle 08:43

Galbiate: al Parco Ludico la 'Festa d'autunno' per l'Istituto Comprensivo, inaugurato il forno autocostruito

Centinaia di genitori e bambini hanno affollato il Parco Ludico di Galbiate nel pomeriggio di ieri, domenica 11 ottobre, decretando il successo dell'edizione 2015 della "Festa d'autunno".
Organizzata come sempre dal Comitato Genitori dell'Istituto Comprensivo di Galbiate in collaborazione con Avis e la Cooperativa Liberisogni incaricata della gestione del Parco, anche quest'anno la festa si è articolata in diverse attività, complice la bella giornata ottobrina.

"Lo scopo della manifestazione, come accade per la "Festa di primavera", è quello di offrire momenti di aggregazione per le famiglie del nostro territorio e raccogliere fondi da destinare alle attività che promuoviamo a favore del nostro Istituto Comprensivo" ha spiegato la segretaria del Comitato Silvia Polvara, proseguendo: "Le nostre finalità principali sono tre: supportare a livello materiale i plessi delle scuole, fornendo a seconda dei bisogni materiale informatico o cancelleria; organizzare eventi formativi per i genitori; costituire un fondo di solidarietà attivato in modo anonimo dagli insegnanti, come ad esempio nel caso in cui alcuni bambini non abbiano i soldi necessari per andare in gita. Tanto per cominciare quest'anno a novembre attiveremo un corso sulle mappe mentali - uno strumento per imparare a studiare - dedicato a genitori e bambini che si terrà di sabato mattina; mentre per le classi prime delle elementari abbiamo già attivato un corso gratuito in orario scolastico sullo stesso tema".
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Tra gonfiabili, laboratori musicali e di panificazione, giochi giganti e giochi di una volta il pomeriggio è trascorso allegramente, all'insegna della buona compagnia e del buon cibo: immancabili, come a ogni festa autunnale che si rispetti, il vin brulé e le caldarroste preparate dai volontari AVIS.
Intorno alle 17.30 l'inaugurazione del forno a legna autocostruito ha aggiunto un ingrediente ulteriore al bel pomeriggio, offrendo pizze a km0 a tutti i presenti. "Abbiamo deciso di cogliere l'occasione della Festa d'Autunno organizzata dal Comitato Genitori per inaugurare ufficialmente questo forno in terra cruda realizzato dalla comunità galbiatese" hanno commentato i referenti della Cooperativa Liberisogni, ideatori dell'iniziativa. "Per il progetto del forno in terra cruda ci siamo fatti ispirare dalle esperienze di bioedilizia ed ecovillaggi visti in giro per l'Italia e anche all'estero: in questo modo siamo riusciti a non utilizzare cemento e così a non pesare sulla montagna, perché il problema delle cave è molto sentito nel nostro territorio".

Volontari davanti al forno

Galbiatesi sono la terra, la paglia e la sabbia utilizzati per la costruzione per il forno; locali sono gli ingredienti della pizza bio, composta con farina di segale proveniente da Monte Marenzo grazie dall'Associazione Agricoltori della Valle San Martino, formaggi galbiatesi forniti dalla fattoria Manzoni situata a poche centinaia di metri dal Parco Ludico, bresaola dell'azienda agricola galbiatese Aldeghi e ortaggi bio provenienti dai campi del Selvetto, la cooperativa sociale di tipo B che impiega persone svantaggiate a Sala al Barro.


"Galbiatese è anche la manodopera: il forno è stato costruito nel weekend del 5-6 settembre da una trentina tra adolescenti, adulti, genitori e bambini che hanno impastato terra, paglia e sabbia seguendo le istruzioni di un abile artigiano docente di bioarchitettura" hanno proseguito i referenti del Parco Ludico, concludendo: "per ora sarà acceso in occasione delle feste, ma l'utilizzo è ancora tutto da progettare. In seguito ai corsi di panificazione che organizzeremo, ci piacerebbe che il forno diventasse un punto di riferimento per la comunità locale: una volta al mese ad esempio le famiglie potrebbero preparare l'impasto a casa e venire a cuocerlo qui, come si faceva una volta. Insomma un rito dal sapore antico che sia anche motivo di incontro tra persone di culture e generazioni diverse: bambini, adulti e nonni che spengono televisione e smartphone per far lavorare mani, occhi e palato".

Elena Toni
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco