Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.834.177
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 19 marzo 2016 alle 14:41

Lecchesi sul palco/23: nel ricordo di un grande maestro a Introbio vanno in scena 'Quei de l'Angiolin', con grandi soddisfazioni

"Che cosa è il teatro? Una delle testimonianze più certe del bisogno dell'uomo di provare in una sola volta più emozioni possibili" (Eugène Delacroix).

Un'altra famosa citazione per  un'altra compagine di teatro amatoriale, protagonista della 23° tappa di "Lecchesi sul palco": il nostro tour ci porta oggi fino a Introbio, per raccontare la storia di "Quei de l'Angiolin".

"La nostra Compagnia - ha ricordato Samuele Magni, storico membro del gruppo - è nata nel 1997, ma per conoscerla meglio occorre tornare indietro di una decina d'anni. Più o meno nel 1987, infatti, un uomo di nome Angiolino Colombo, personaggio noto in paese soprattutto per la sua grande passione per la recitazione, portata avanti sempre come hobby, ha voluto cimentarsi, per l'ultima volta, in una grande impresa: insegnare l'arte del teatro a un gruppetto di ragazzini, con la speranza che avrebbero portato avanti ciò in cui lui aveva creduto per una vita intera. Questa sgangherata "gang" era formata da me e altri quattro amici, Giuliano Fantini, Alessandro Pensotti, Mattia Invernizzi e Fulvio Tantardini. Con molta probabilità, questa avventura improvvisata era uno degli ultimi desideri di Angiolino, che sapeva che si sarebbe spento di lì a poco, a causa dell'età avanzata. Dopo una decina d'anni di apparente silenzio nei riguardi di quest'uomo, i cinque attori in erba hanno deciso di ritentare la via della recitazione, nel ricordo dei vecchi tempi: io e i miei quattro amici abbiamo così deciso di fondare una compagnia del tutto nuova, che avesse, però, alla base gli insegnamenti del nostro grande maestro, omaggiandolo attraverso il nome del nostro gruppo, in dialetto introbiese. Per formare un cast più ampio e variegato, abbiamo dovuto ingaggiare nuovi personaggi, a partire dal regista, Emilio Magni, e dalla storica suggeritrice, Fausta Tantardini: tra gli attori, invece, abbiamo arruolato Mauro Silva, Domenico Arrigoni e Stefano Schena. Da quel momento in poi, il nostro gruppo ha registrato una serie crescente di successi e anno dopo anno abbiamo iniziato a essere sempre più conosciuti anche nelle zone vicine".

Dopo due anni di spettacoli in italiano, portati sulle scene da un cast esclusivamente maschile, "Quei de l'Angiolin" hanno compiuto un ulteriore salto di qualità. "Negli anni successivi agli esordi -  ha proseguito Samuele Magni - la nostra Compagnia ha deciso di cimentarsi anche in commedie in dialetto milanese, sicuramente più divertenti, con la partecipazione di alcune donne: il risultato era decisamente più completo, con un approccio con il pubblico più scoppiettante e dinamico. Negli anni tra il 2007 e il 2009 abbiamo partecipato a diverse rassegne: tra le più gratificanti ricordo sicuramente quella organizzata dal Comune di Ballabio, in cui si sono esibite molte altre compagini del lecchese. Proprio in quell'occasione, nel 2007, ho vinto il premio di miglior attore assoluto, mentre l'anno successivo abbiamo ricevuto il riconoscimento per la miglior sceneggiatura. Un'altra importante kermesse a cui abbiamo preso parte integrava compagnie del lecchese con altre provenienti dalla Valsassina e dalla Valtellina: anche lì siamo riusciti a ottenere un ottimo risultato, salendo sul terzo gradino del podio, un successo che ci ha consentito di replicare il nostro spettacolo a Lecco e a Osnago, allargando così il nostro consueto raggio d'azione".

Sempre attivi e determinati a conquistare nuovi traguardi, "Quei de l'Angiolin" non mancano mai alle rassegne organizzate dai vicini di Primaluna e Traona. "Anche quest'anno - ha concluso Samuele Magni - abbiamo già calcato il palcoscenico dell'oratorio di Primaluna, per la terza edizione de "La Pieev de Rì": "A l'ospizi di veggett s'è liberaa on lett", di L. Calenzani, è stato un altro grande successo, speriamo di poter continuare su questa strada per molto tempo, per ricordare e onorare il nostro caro maestro Angiolino".

Ecco i nomi dei membri dell'attuale cast della Compagnia di Introbio: Samuele Magni, Giuliano Fantini, Alessandro Pensotti, Mattia Invernizzi, Fulvio Tantardini, Mauro Silva, Domenico Arrigoni, Stefano Schena, Emilio Magni, Fausta Tantardini, Giuliana Tantardini, Marialuisa Silva, Marzena Skowronek, Lucia Busi, Simona Buzzoni, Danilo Ganassa, Jerry Calvanese, Stefano Invernizzi.
Articoli correlati:
08.01.2016 - LECCHESI SUL PALCO - viaggio alla scoperta delle compagnie teatrali
Benedetta Panzeri
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco