Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 68.343.219
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 25 luglio 2014 alle 22:41

Acqua: nomine nei comitati tecnici, Strina in Idroservice, Merate rifiuta il posto in Idrolario

Dopo la nomina dei due membri del CdA dell'Ufficio d'Ambito e del presidente della Conferenza dei sindaci dell'Ato (individuati rispettivamente in Andrea Massironi di Merate e Elena Zambetti di Ello per il CdA e in Daniele Villa, sindaco di Robbiate per la presidenza della Conferenza), nuove nomine anche nel Comitato Tecnico delle due società del settore idrico.
Paolo Strina, ex sindaco di Osnago, ha infatti lasciato la carica di presidente della conferenza dell'Ato per approdare nel comitato tecnico di Idroservice accanto a Roberto Ferrario e Stefano Parolari. Una designazione avvenuta a seguito della rinuncia di Diomira Cretti e proposta dall'assessore al bilancio di Olgiate Molgora Marco Canzi.
Lo stesso Canzi viceversa ricoprirà il ruolo di rappresentante del distretto 5 (quello relativo al meratese) nel comitato tecnico di vigilanza di Idrolario. Accanto a Olgiate Molgora, ricordiamo, membri dell'organismo di controllo dei sindaci sulla società fanno parte anche i comuni di Bellano, Introbio, Lecco, Valmadrera, con Valgreghentino presidente e Introbio vicepresidente.
Una nomina, quella di Canzi in rappresentanza del meratese, giunta solo all'indomani della rinuncia da parte del comune di Merate, non soltanto capo circondario ma anche maggior azionista della società, a ricoprire il ruolo.
Una decisione così spiegata da Andrea Massironi: “Idrolario è stato messo volutamente nelle condizioni di essere una bad company quindi oramai non vedo cosa ci sia da vigilare, soprattutto dal momento che da febbraio è stato deciso che debba cedere il ramo aziendale. Sarebbe come vigilare su una azienda ormai morta. Viceversa ho accettato di buon grado il ruolo all'interno del CdA dell'Ufficio d'Ambito che insieme a Provincia ha indicato un percorso, quello in vista di un affidamento a una società di primo livello, che è ben differente rispetto a quanto sta accadendo nelle società”.
M.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco