Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.620.934
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 27 luglio 2014 alle 13:36

Pescate: il sindaco è anche comandante di PL. Previste pattuglie in bici e...in borghese

A sinistra il sindaco impegnato in un pattugliamento (immagine di repertorio)
Non smette di stupire il sindaco di Pescate Dante De Capitani. Chi l’inverno scorso l’aveva simpaticamente tacciato di voler “fare lo sceriffo” per aver preso parte personalmente ai pattugliamenti serali della Polizia Locale, ora “si dovrà rassegnare” a chiamarlo, per davvero, Comandante. Ebbene si, con la decadenza della gestione associata con il comune di Malgrate, il primo cittadino pescatese ha assunto direttamente il comando del corpo di Pl che ora può contare su due vigili a tempo pieno, la dottoressa Cristina Corti e il signor Benigno Castelnuovo oltre ovviamente a De Capitani stesso. “E' poi in corso un avviso di mobilità esterna per la copertura di un posto di agente di categoria C: i termini per la presentazione delle domande scadono il 14 agosto, con data dell'esame già fissata per il 19 agosto prossimo” aggiunge il diretto interessato che precisa “uno dei miei primi  atti  compiuti da comandante della Polizia locale ha riguardato una lettera di indirizzo generale  ai vigili con elencate quelli che ritengo i normali compiti da porre in essere, che puntano ad un controllo capillare del territorio e di contrasto a comportamenti scorretti”. E ha ben chiaro cosa intende: “basta con un uso continuo dell’auto di servizio anche per brevi spostamenti,  ma pattugliamenti a piedi e in bicicletta, a contatto con la gente e con la realtà del territorio. I vigili dovranno effettuare posti di controllo giornalieri sulle  tre provinciali che attraversano Pescate, controllo  giornaliero in pattuglia appiedata sulla ciclabile a lago e a monte, giri di perlustrazione bisettimanali nei centri storici del paese con la bicicletta in dotazione, pattuglie serali mirate, di cui almeno una pattuglia notturna ogni quindici giorni con il sindaco”.
Insomma “i suoi uomini” avranno un gran da fare. “Ho  chiesto anche il massimo impegno  e tolleranza zero per il regolamento di Polizia urbana e quindi controllo dei sacchi dei rifiuti non ritirati, nei giorni di  venerdì pomeriggio e il sabato mattina; controllo dei parchi pubblici anche di monte, ad ogni ora della giornata; controllo delle attività rumorose e, oltre a quello già in atto nelle scuole, anche il controllo dei bambini all'uscita della scuola materna e Centro Prima Infanzia”.
Le novità non si esauriscono però qui. Gli agenti saranno infatti anche schierati in borghese “in gruppo da tre elementi, anche con l’ausilio di vigili esterni, per il pattugliamento nei fine settimana dei parchi a lago e della pista ciclopedonale, contro la mancanza di educazione dei villeggianti della domenica” chiosa infatti De Capitani che, giusto qualche giorno fa, aveva chiuso l’accesso ad un’area verde come monito contro l’inciviltà. Le nuove regole sono già operative ma, considerati i tempi di ferie del personale e la stabilizzazione delle mobilità in essere, il servizio sarà a pieno regime dal 15 settembre.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco