Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.833.832
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 28 luglio 2014 alle 18:44

Colico: dopo una seduta animata, tagliate 3 gomme all'auto del consigliere Enzo Venini

Enzo Venini
Dopo un Consiglio che si è protratto fin oltre l'una e mezza di notte in cui si sono discusse molti temi importanti, l'amara sorpresa. Tre gomme tagliate per la Peugot di Enzo Venini, Capogruppo, a Colico, della Lista Civica d’opposzione "Cambiamento " .
L’assise ha discusso, sempre con toni molto civili, su questioni significative per la comunità colichese. Numerosi e delicati i punti all'Ordine del giorno: il bilancio, la vendita di beni per quasi un milione e duecentomila euro, le aliquote di tassazione per i cittadini ed interpellanze sulle opere pubbliche.
E' proprio sul bilancio e sulla vendita della proprietà che il Consigliere Venini ha chiesto una riflessione ulteriore per trovare nuove strade, con il contributo delle minoranze e dell’apposita commissione che, sull'argomento, non è stata udita.
In riposta ad un diniego del Sindaco, il consigliere ha formalizzato la richiesta di dimissioni del primo cittadino.
“Una platea rumoreggiante e concitata ha assistito a tutto il consiglio” riferiscono i presenti.
"Ritengo sia un vandalismo incomprensibile, se pure ha il sapore di minaccia, anche se queste azioni, mi pare, possano rientrare più tra quelle di uno squilibrato, piuttosto che essere conseguenza di divergenze sulla vita amministrativa comunale. Sono gesti che comunque ottengono l'effetto contrario a quello presumibilmente desiderato” il commento del diretto interessato all’increscioso “fattaccio” subito.

L'auto del consigliere

“Questo gesto, comunque grave quali siano le motivazioni che lo hanno ispirato, la turba? Ritiene possa influire sul suo modo di lavorare per il consiglio?” le domande che, a questo, punto vengono naturali.
“Sono sereno – risponde Venini - e prima di tutto sono libero di dire ciò che voglio, nonostante le sollecitazioni fatte dal Sindaco in Consiglio a denunciare i Consiglieri qualora qualcuno si sentisse offeso dalle loro dichiarazioni. Le mie intenzioni non sono mai state quelle di offendere ma, ritengo, dire le cose come stanno, o come le vedo, sta nel mio ruolo di Consigliere ed il fatto che possano dare fastidio a qualcuno non significa che siano lesive dell'altrui onorabilità. Continuerò a svolgere la mia attività Consiliare con lo stesso impegno e scrupolosità di sempre lavorando per il bene di Colico e dei Colichesi".

Le gomme bucate. Sotto, ben evidente, une dei tagli

Un aiuto per identificare l'autore del misfatto e capire dunque cosa l'ha spinto a compiere tale gesto potrebbe ora arrivare dalle telecamere del servizio di videosorveglianza. Chiaramente, non può essere escluso che si sia trattato di un atto vandalico che nulla attiene all'attività di consigliere del dottor Venini. Tutte le ipotesi, in questo momento, rimangono valide.
Pietro Magnani
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco