Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.616.620
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 29 luglio 2014 alle 22:05

Lecco, Santa Marta: benedetti i michini con un pensiero per la pace vera in Terra Santa

Non “michette” alla milanese ma “michini”. Anche quest’anno, come vuole quella tradizione che si perde indietro nel tempo, Lecco ha celebrato Santa Marta distribuendo, presso la chiesetta dedicata proprio alla sorella di Maria e Lazzaro, in via Mascari, panini benedetti da monsignor Cecchin che, in mattinata, ha presieduto la santa messa solenne rallegrata dalla corale Monsignor Delfino Nava con voce e archi diretti dal maestro Giuseppe Mazzoleni. 

I michini benedetti e pronti per essere distribuiti

 

Monsignor Cecchin

La corale Monsignor Delfino Nava

“Lasciamoci conquistare da Dio per poter incendiare il mondo con l’amore” il messaggio lanciato dal prevosto che, nel corso della sua omelia, ispirata ai passi del Vangelo di Luca letto nel corso della funzione e alla più stretta attualità, ha invocato la pace, quella vera, per la Terra Santa necessaria per “allontanare il buio e l’incertezza” che oggi aleggiano in medio oriente. “Pensate se gli ebrei fossero capaci di ospitare i palestinesi: sarebbe diverso” ha affermato il sacerdote che ha anche sostenuto come le “diplomazie sono incapaci: vivono la logica mondana, non la capacità di condivisione, del dare”.

E ancora, riconducendo la questione a una dimensione più personale: “a uccidere non sono le pallottole ma il cuore. Ti senti responsabile del mondo di oggi?” ha poi domandato rispondendo: “mi sento colpevole. Il nostro essere incide sul mondo”. Da qui l’invito di far proprio uno dei tanti messaggi lasciati dal cardinal Carlo Maria Martini ovvero portare le colpe e le ragioni uno dell’uno e dell’altro. Solo così arriverà “il bel tempo”.
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco