Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.780.280
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 24 giugno 2016 alle 16:56

Lecco perduta/3: Via Pizzi, un tempo era oasi di tranquillità

Via Pizzi, fra Via Amendola e Via Appiani è divenuta un fitto parcheggio, con autovetture su entrambi i lati della strada. Ha così perso il silenzio invidiabile che l’accompagnava decenni or sono, lungo il muro perimetrale del giardino di Villa Amigoni, un verde reso pubblico e diviso da una cancellata verso l’asfalto. Via Pizzi si animava nelle ore di ingresso e di uscita degli scolari dalle elementari della vicina “Edmondo De Amicis” di Via Amendola, costruita negli anni Trenta come Scuola “Giovanni Berta”. Era anche la strada un lungo “corridoio di giochi” per i ragazzi delle case vicine; dal cortile delle botti e dei sassi di Via Ghislanzoni alla Curt d’Africa di Via Pizzi. Si giocava anche nel cortiletto retrostante Villa Arrigoni di Via Pizzi.

Via Pizzi nel 1962

Il grattacielo di Via Appiani non c’era e sull’area si trovava la vecchia fabbrica del ghiaccio di Geremia. L’attività venne chiusa nel 1957 e nel ’58 iniziò la demolizione del complesso per far posto alla nuova costruzione. La Via Carlo Pizzi ricorda il pittore lecchese nato nel 1842 e morto nel 1908. Pizzi è autore di dipinti fra i migliori del paesaggio lecchese. La città ha dedicato a Carlo Pizzi una mostra in occasione della Quinquennale del 1927. Nel 1972 l’Azienda di Turismo, con la presidenza di Nino Lupica, raccolse le migliori opere di Pizzi. Vennero esposte in una mostra antologica nel salone delle scuderie presso Villa Manzoni, al Caleotto. Il catalogo venne presentato da Giorgio Mascherpa, che indicò in Pizzi uno dei migliori pittori dell’Ottocento lombardo.
La foto che viene pubblicata è del Giugno 1962, quando Via Pizzi cominciava a conoscere le prime auto in sosta.
Articoli correlati:
20.06.2016 - Lecco perduta/2: il piccolo mondo del Lazzaretto
15.06.2016 - La Lecco perduta: ''alle quattro strade''
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco