Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 68.362.156
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 26 luglio 2016 alle 10:50

Lecco perduta/12: le regate della Canottieri, 'idee' per il rilancio

Le tribune gremite
C’è una speranza, un sogno, che palpita come vele al vento sulle acque lecchesi del Lario: il rilancio dello storico campo di gara remiera, da Pradello al Brick-Malpensata, alla periferia nord della città, verso l’alto lago. E’ stato il campo di regata di diverse edizioni di campionati italiani; è stato lo specchio d’acqua per la classicissima internazionale del remo con la Canottieri Lecco: l’appuntamento tradizionale di fine stagione, con i migliori equipaggi di diverse nazioni.
    Il campo del Brick è difficilmente recuperabile al remo agonistico, per motivi tecnici di “par conditio” fra le varie corsie di gara. Potrebbe accadere un rilancio con il remo tradizionale storico, con i veterani, cultori e sostenitori delle tradizioni nautiche.
    Quali barche potrebbero, quindi, tornare sul vecchio campo del Brick? Potrebbero essere le Lucie, le caratteristiche imbarcazioni lariane con gli archi, rese famose dalla pagine dell’Addio Monti nei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni. Potrebbe essere una sfida ai remi tra pescatori, traghettatori, barcaioli, marinai d’acqua dolce dei centri costieri del ramo lecchese del Lario, come la sfida tra Lecco e Malgrate, che ha avuto la prima edizione nel 1864 ed è stata rilanciata diversi anni or sono con i sindaci Giuseppe Pogliani e Gianni Rota.
    Potrebbe, così, tornare vivo il campo di regata, che appare malinconico nel “vuoto” delle tribune, delle gradinate che scendono tristi al lago, davanti alle acque dove era collocato l’arrivo  con la tribunetta della giuria. E’ un traguardo che ha visto successi mitici degli equipaggi lecchesi, caricati dall’aria di casa, dal vento del lago. Un esempio: nel 1935 i campionati italiani affidati alla Canottieri per il 40° della società, il duo senza Mascherpa-Offredi conquistò il titolo assoluto tricolore tra l’esultanza degli tifosi locali e di tutto l’ambiente sportivo bluceleste. Nella regata del giorno precedente, valida per la categoria juniores, gli alfieri della Canottieri Lecco erano arrivati secondi.
Articoli correlati:
23.07.2016 - Lecco perduta/11: 'al vecchio Bersaglio', in quartiere Santo Stefano
19.07.2016 - Lecco perduta/10: via Visconti, ''la porta'' verso la Valtellina
16.07.2016 - Lecco perduta/9: il S. Martino e l'antica strada di Via Stelvio
14.07.2016 - Lecco perduta/8: a Laorca la sosta per ''bagnare il becco''
08.07.2016 - Lecco perduta/7: l'odierna via Cavour era la Contrada Larga
06.07.2016 - Lecco perduta/6: quando c'era l'hotel Croce di Malta
02.07.2016 - Lecco perduta/5: una contrada nata fin dall'origine Mal…pensata
28.06.2016 - Lecco perduta/4: al Caleotto è rimasta via Ferriera
24.06.2016 - Lecco perduta/3: Via Pizzi, un tempo era oasi di tranquillità
20.06.2016 - Lecco perduta/2: il piccolo mondo del Lazzaretto
15.06.2016 - La Lecco perduta: ''alle quattro strade''
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco