Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.919.048
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 31 luglio 2016 alle 13:53

Lecco perduta/14: c’era la Quinquennale interrotta dopo la 6^ edizione

La funivia della Quinquennale 1953,
davanti all’edificio scolastico di
via Marconi al Caleotto
Era l’agosto 1953, quando veniva inaugurata nel complesso scolastico al Caleotto la sesta “Quinquennale”, mostra dell’industria e del lavoro lecchese. La rassegna si concluse a settembre, in tempo utile per smobilitare l’apparato fieristico e riconsegnare i locali alla scuola per la ripresa delle lezioni dopo le vacanze.
    E’ stata quella del 1953 l’ultima Quinquennale della serie avviata nel 1922, presso le scuole di via Ghislanzoni. Furono sei le edizioni della Quinquennale, dal 1922 al 1953. Era stata sospesa quella del 1942 con l’Italia coinvolta nel secondo conflitto mondiale.
    Dal 1922, appunto, alla scadenza di cinque anni, Lecco imprenditoriale metteva in “vetrina” la sua importanza economica. C’era un apposito comitato organizzatore, che vedeva alla presidenza il cav. Giuseppe Riccardo Badoni.
    L’edificio scolastico del Caleotto, nel 1953, portava ancora sulle tegole del tetto i segnali, con vistosa “croce rossa”, dell’ospedale militare installato in tempo di guerra.
    La Quinquennale 1953 venne visitata da moltissimi lecchesi, dalle delegazioni commerciali dell’alta Italia, da industriali della Lombardia e del Canton Ticino, da clienti stranieri delle maggiori aziende lecchese. Un dato conferma il successo progressivo della Quinquennale: il numero di espositori era stato di 141 della prima edizione del 1922; erano 323 nell’ultima del 1953.
    La Società Antonio Badoni diede all’ultima Quinquennale l’attrattiva principale per i visitatori; sul fronte di via Marconi: era in funzione una funivia-seggiovia, aperta al pubblico, che univa i padiglioni dei prodotti locali al reparto tecnologia del filo metallico. L’Antonio Badoni era stata fondata nel 1843 ed ha cessato l’attività nel 1990.
Articoli correlati:
28.07.2016 - Lecco perduta/13: quando il Caldone ancora si vedeva
26.07.2016 - Lecco perduta/12: le regate della Canottieri, 'idee' per il rilancio
23.07.2016 - Lecco perduta/11: 'al vecchio Bersaglio', in quartiere Santo Stefano
19.07.2016 - Lecco perduta/10: via Visconti, ''la porta'' verso la Valtellina
16.07.2016 - Lecco perduta/9: il S. Martino e l'antica strada di Via Stelvio
14.07.2016 - Lecco perduta/8: a Laorca la sosta per ''bagnare il becco''
08.07.2016 - Lecco perduta/7: l'odierna via Cavour era la Contrada Larga
06.07.2016 - Lecco perduta/6: quando c'era l'hotel Croce di Malta
02.07.2016 - Lecco perduta/5: una contrada nata fin dall'origine Mal…pensata
28.06.2016 - Lecco perduta/4: al Caleotto è rimasta via Ferriera
24.06.2016 - Lecco perduta/3: Via Pizzi, un tempo era oasi di tranquillità
20.06.2016 - Lecco perduta/2: il piccolo mondo del Lazzaretto
15.06.2016 - La Lecco perduta: ''alle quattro strade''
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco