Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.489.973
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 02 agosto 2016 alle 18:00

Lecco perduta/15: la statua di Castello proteggeva il ponte vecchio

La statua
San Giovanni Nepomuceno è il personaggio della statua in pietra arenaria che si trova nella piazza della chiesa di Castello (piazza medaglia d’oro ufficiale pilota Antonio Dell’Oro), sopra la fontana che i “terrieri” collocarono nel 1861, anno dell’Unità d’Italia, su progetto di Giuseppe Bovara.
    La storia ricorda che da un ponte di Praga sulla Moldava, nell’anno 1383, i sicari di re Venceslao gettarono nelle acque Giovanni, cappellano di corte, che non aveva voluto rivelare al re i contenuti confessionali della consorte, la regina Giovanna di Baviera. Da allora il santo martire boemo venne considerato patrono dei ponti. Nella seconda metà dl secolo XVIII la statua di San Giovanni si nota per la prima volta al centro del Ponte Vecchio sull’Adda, presso la cappelletta muraria che aveva ospitato un dipinto della Madonna.
    La battaglia dell’aprile 1799 al ponte di Lecco, fra austro-russi e francesi, provocò la caduta della statua nelle acque dell’Adda. Molto probabilmente è stata la deflagrazione di un colpo di artiglieria a far “tuffare” il manufatto. Sono stati i pescatori di Pescarenico a recuperare il medesimo sul fondo del fiume per cederlo ai residenti di Castello. Venne, in seguito, collocato presso la fontana di granito che intende ricordare l’Unità d’Italia.
    Venti anni or sono, nella primavera 1996, l’Associazione ex alunni del Liceo Manzoni di Lecco ha promosso il restauro di statua e fontana. Il progetto è stato dell’arch. Bruno Bianchi, con la collaborazione dell’arch. Roberto Spreafico e del restauratore Giacomo Luzzana. La cerimonia di inaugurazione ha visto il tesoriere degli studenti del Manzoni, Glauco Cogliati, arrampicarsi sul monumento a togliere il “mantello” dei lavori. Vi è stata la benedizione dell’allora parroco di Castello, don Fernando Pozzoli. Era presente l’on. Lamberto Riva, fresco deputato di Montecitorio, per trent’anni studente, insegnante e preside al Liceo classico Manzoni di Lecco. Erano pure presenti il presidente dell’Associazione ex allievi, Pietro Sala, gli ex Piero Fiocchi, Lorini, Furlani, Pozzoli, Rampa, Boghi, il sindaco di Lecco Giuseppe Pogliani, l’ex sindaco Paolo Mauri, l’ing. Mario Magnani,  il pittore Paolo Dell’Oro ed altri.
Articoli correlati:
31.07.2016 - Lecco perduta/14: c’era la Quinquennale interrotta dopo la 6^ edizione
28.07.2016 - Lecco perduta/13: quando il Caldone ancora si vedeva
26.07.2016 - Lecco perduta/12: le regate della Canottieri, 'idee' per il rilancio
23.07.2016 - Lecco perduta/11: 'al vecchio Bersaglio', in quartiere Santo Stefano
19.07.2016 - Lecco perduta/10: via Visconti, ''la porta'' verso la Valtellina
16.07.2016 - Lecco perduta/9: il S. Martino e l'antica strada di Via Stelvio
14.07.2016 - Lecco perduta/8: a Laorca la sosta per ''bagnare il becco''
08.07.2016 - Lecco perduta/7: l'odierna via Cavour era la Contrada Larga
06.07.2016 - Lecco perduta/6: quando c'era l'hotel Croce di Malta
02.07.2016 - Lecco perduta/5: una contrada nata fin dall'origine Mal…pensata
28.06.2016 - Lecco perduta/4: al Caleotto è rimasta via Ferriera
24.06.2016 - Lecco perduta/3: Via Pizzi, un tempo era oasi di tranquillità
20.06.2016 - Lecco perduta/2: il piccolo mondo del Lazzaretto
15.06.2016 - La Lecco perduta: ''alle quattro strade''
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco