Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.492.716
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 06 dicembre 2016 alle 15:04

Referendum, Comitato per il Sì: ci abbiamo creduto

A due giorni dal risultato elettorale, come Comitato per il Sì della provincia di Lecco, vogliamo innanzitutto ringraziare i nostri quasi 500 aderenti, i tanti volontari e i simpatizzanti per l'importante e faticoso impegno profuso nella campagna referendaria, impegno portato avanti con convinzione dagli oltre 20 Comitati provinciali.
In poco più di due mesi di mobilitazione il nostro Comitato ha promosso o partecipato a circa 80 tra eventi, confronti e approfondimenti, a 6 dibattiti nelle scuole superiori e a 1 al Politecnico di Lecco, ha portato in provincia ospiti importanti (Boschi, Finocchiaro, Serracchiani, Violante, Castagnetti, Lupi, Fiano, Morando, Romano, Treu), ha organizzato gazebo e volantinaggi, porta a porta e spot con persone comuni, il tutto godendo del solo autofinanziamento degli aderenti o del sostegno dei simpatizzanti.
«Abbiamo fatto un grande gioco di squadra - spiega il Coordinatore Vittorio Addis - cogliendo questa occasione per rivitalizzare una dialettica politica fatta troppo spesso di slogan: ci siamo confrontati in modo franco con cittadini, giovani, associazioni, istituti di rappresentanza sociale, sempre nel merito delle nostre ragioni e senza mai prevaricare».
Ogni Comitato ha operato con la propria sensibilità territoriale in assoluta autonomia dal Comitato provinciale, che ha assunto quindi un ruolo di coordinamento e amplificazione delle iniziative, e allo stesso tempo tutti hanno lavorato con azione sincrona verso un unico obiettivo condiviso. L'obiettivo finale, seppur negativo, ha registrato un netto miglioramento rispetto sia al dato nazionale che a quello regionale: la provincia di Lecco, infatti, si classifica seconda in Lombardia solo dopo quella di Milano per numero di SI (46,29%), superiore al 44,51% della nostra regione e di ben sei punti del dato complessivo (40,89%). Altro dato significativo quello della città capoluogo: Lecco è la ventunesima città italiana e la quinta città lombarda (dopo Bergamo, Mantova, Milano e Monza) per consensi alla riforma, mancando di 283 voti il risultato positivo (49,89% per il SI, 50,11% per il NO).
«Ci abbiamo creduto, ci abbiamo provato, non è bastato: non siamo soddisfatti, anzi siamo amareggiati. Ma quando si cade si ha anche la forza di rialzarsi e il coraggio di continuare, con la serenità di poter scrivere la storia del nostro paese senza dover abbassare lo sguardo; ora, dopo attenta analisi, dobbiamo prepararci per un futuro in cui ci aspettano importanti sfide dove soprattutto i nostri giovani, a partire dal bellissimo gruppo del Comitato Under 30 che tanto ha animato le iniziative, devono essere i protagonisti. Confrontarci, approfondire, creare una grande mobilitazione popolare: l'abbiamo fatto e continueremo a farlo anche dopo il Referendum. Per cambiare l'Italia, davvero!».
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco