Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 68.189.157
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 05 gennaio 2017 alle 15:34

Lecco perduta/44: quando c’erano i Magi e la Befana

Re Magi di un tempo
I Re Magi, le Befane di una volta, dove sono andati? Attendono nuove “mappe”, talmente è cambiata la geografia anche di casa nostra, tra edifici, strade, nuove aree urbane, nuova viabilità? Sarà così, ma il fatto è che le Befane di una volta per ferrovieri ed arbitri, per postelegrafonici e vigili, per dipendenti comunali ed elettrici, dall’Orobia all’Enel, per circoli, bocciofile ed associazioni varie sono ormai nell’album nostalgico dei ricordi.
    I Magi arrivavano anche in Comune a Lecco, nel salone consiliare, gremito di bambini di dipendenti, per distribuire doni con la regia del vice sindaco Antonietta Nava; oggi potrebbe subentrare in tale ruolo Francesca Bonacina.
Sfilavano la sera della vigilia per le vie del centro cittadino, per iniziativa dell’oratorio San Luigi, presso la Basilica. Vagavano su percorsi quasi “misteriosi”, per suscitare sorprese e curiosità; toccavano strade periferiche scarsamente illuminate, come tra le case del Lazzaretto, alla Malpensata-Belvedere, Spirola, alla Piccola di via Ghislanzoni, ed anche al Porto di Malgrate, tra i due ponti stradali sull’Adda. Erano preceduti da staffette in bicicletta, giovani e ragazzi che impugnavano grosse pile. Vi era un seguito di armigeri e valletti, di artieri e maniscalchi. Le comparse erano reclutate tra i ragazzi dell’oratorio e c’era la gara a far parte del corteo del “Re nero”. Nel sottopalco del Teatro del Sagrato i “negretti” si preparavano il colore con bruciacchiati turaccioli. Era specialista in questo trucco Gianfranco Sacchi, ma se la cavavano anche Antonio Bonfanti e Gianfranco Brambilla. Poi c’era l’avventura della sera, in una città già silenziosa, ma ancora con le luminarie natalizie dei commercianti e dell’ELMA. Il passaggio dei Magi faceva aprire finestre, animava balconi e portoni, chiamava all’esterno dei bar coloro che giocavano a carte o che guardavano la televisione. Al Circolo Italo Casella di via Torri Tarelli vi fu un insolito “scambio”: vistosi manifesti rendevano nota la Befana per i figli dei soci del Circolo, ma arrivarono, con generale sorpresa, i Re Magi. Rimase l’interrogativo: qualcuno aveva sbagliato indirizzo o forse, più semplicemente, i titoli dei manifesti della festa in famiglia per i più piccoli, animata sempre dagli instancabili Nello Riva e Titi Colombelli.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco