Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 21.226.461
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 10 gennaio 2017 alle 18:41

Pescate: trascorreranno la notte a casa i genitori e i bambini di 2 e 3 anni intossicati dal monossido, sprigionato da un braciere

Potranno trascorrere la notte nella loro abitazione di Pescate l’uomo e la donna di origine senegalese e i loro due bambini di 2
Mezzi di soccorso e forze dell'ordine (immagine di repertorio)
e 3 anni che nella mattinata di oggi, martedì 10 gennaio, sono stati trasportati all’ospedale di Lecco dopo essere rimasti intossicati (fortunatamente in maniera lieve) dal monossido di carbonio, che si è sprigionato da un braciere acceso con ogni probabilità per contrastare il freddo intenso degli ultimi giorni.
Gli altri due figli della coppia, uno maggiorenne e l’altro di qualche anno più grande dei fratellini, si trovavano a scuola in paese e presso un istituto di Lecco e sono così scampati al potenziale pericolo derivante dal gas velenoso, particolarmente insidioso perché è incolore e inodore e dunque impossibile da percepire prima che inizi a causare i primi sintomi.
Sono stati i genitori, vedendo che i loro bambini non si sentivano bene, a lanciare l’allarme. Ai soccorritori giunti sul posto in ambulanza, supportati dall’auto medica, è apparso subito chiaro che quelle braci accese all’interno dell’appartamento potessero essere la causa di quel malessere.
I Vigili del fuoco, che dispongono di una particolare attrezzatura, hanno rilevato la presenza del monossido di carbonio e la famiglia è stata soccorsa e trasportata al Pronto soccorso. Sul posto si sono recati anche una pattuglia di Carabinieri per effettuare gli opportuni accertamenti, e il sindaco Dante De Capitani allertato dell’accaduto. “Conosco personalmente questa famiglia, brave persone che vivono in affitto in una palazzina di Via Giovanni XXIII. L’impianto di riscaldamento, centralizzato, è risultato perfettamente funzionante. Accendendo quel braciere hanno corso un grave pericolo, ma per fortuna stanno tutti bene e credo che non rifaranno lo stesso errore”.
I due piccoli e i loro genitori sono stati trattenuti in ospedale in osservazione e in serata potranno fare ritorno a casa.
Articoli correlati:
10.01.2017 - Pescate: famiglia intossicata dal monossido, 2 adulti e 2 bambini portati in ospedale
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco