Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 68.187.471
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 01 febbraio 2017 alle 16:29

Lecco perduta/47: c’era la fiera del bestiame

La fiera del 3 ottobre 1955; alcuni dei soggetti premiati
Anche Lecco ha avuto la fiera del bestiame che si svolgeva nel mese di ottobre, con inizio, solitamente, il giorno successivo la “festa di Lecco”, la prima domenica del mese. Era una fiera che recava un’atmosfera particolare, insolita, nelle piazze e nelle strade del vecchio borgo. Lo svolgimento risaliva ad un provvedimento austriaco dell’Imperiale Luogotenenza di Lombardia del 5 settembre 1853. Si rendeva noto che a Lecco, dal 3 all’11 ottobre 1853, si sarebbe svolta una fiera di bestiame. La Deputazione comunale, con appositi manifesti diffusi nel territorio, avvertiva che “nel borgo trovansi ampi alberghi a comodo di signori forestieri e stallazzi estesi per ogni genere di bestiame”.
    La prima fiera riscosse un successo superiore ad ogni previsione, tanto è vero che la data conclusiva dell’11 ottobre venne prorogata di una settimana. Si fecero affari d’oro con la vendita di circa 600 bovini e di 250 cavalli.
    La seconda edizione, sull’onda del successo precedente, provocò, però, problemi organizzativi alla Deputazione comunale, in quanto fu chiamata a gestire l’arrivo a Lecco, da diversi direzioni, di cavalli, tori, buoi, vitelli, suini, pecore e la presenza di allevatori, mediatori, commercianti e maniscalchi. Fu necessario intervenire per la presenza, come recita una nota, di “imbroglioni, guasta mestieri, raggiratori, che avvicinavano in particolare commercianti elvetici e tirolesi”.
    Il controllo sanitario degli animali fu motivo di polemiche e discussioni. Il luogotenente di Sua Maestà Imperiale in Lombardia, ordinò che il bestiame svizzero diretto alla fiera di Lecco entrasse in territorio lombardo attraverso i valichi di Monte Spluga, Villa di Chiavenna, Tirano e Bormio, dove sarebbero state controllate le regolari “fedi di sanità” da parte degli uffici doganali di frontiera.
    Sorta con gli austriaci, la fiera proseguì anche con l’unione della Lombardia al Regno di Piemonte-Sardegna e, quindi, all’Italia, dopo la seconda guerra di Indipendenza 1859. La prima rassegna italiana si apri il 18 ottobre 1859 e durò otto giorni. La fiera del bestiame di Lecco è continuata anche nel Novecento, per oltre mezzo secolo. Le ultime edizioni sono degli anni compresi tra il 1955 ed il 1960. La realtà economica della zona era davvero trasformata con la dilagante industrializzazione.


ARTICOLI CORRELATI:
LECCO PERDUTA
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco