Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.717.628
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 06 febbraio 2017 alle 17:31

Lecco perduta/48: quando c’era il tram

Vettura tramviaria della linea cittadina Malavedo-Maggianico
Corre sulle rotaie del tram un breve ciclo di storia lecchese del Novecento: dal 1927 al 1953.
    Lecco ha visto, infatti, il tram solo in quell'anno. A Milano era, invece, entrato in funzione, con la prima tramvia elettrica, da piazza Duomo a corso Sempione, nel novembre 1893. Il nuovo mezzo di trasporto era rivoluzionario e mandava in pensione i vecchi omnibus trainati da cavalli.
    Il tram arrivato a Lecco nel 1927 era atteso da molti anni, dopo che le prime rotaie erano state posizionate nel 1914: tutto si bloccò per la Grande Guerra 1915/1918. Si riprese a parlare di tram nel 1925. Era il 1927quando la “Grande Lecco” salutò l’entrata in funzione del nuovo servizio tramviario. Le prime due vetture, una motrice ed un rimorchio, giunsero alle 11.30 del 4 aprile 1927 in piazza Garibaldi. Veniva inaugurata la tramvia Lecco-Erba-Como, gestita dalla società Volta di Como. Le rotaie venivano anche posizionate sul ponte Azzone Visconti per assicurare il collegamento Lecco-Como. Nello stesso anno partiva anche il tram cittadino, da Malavedo a Maggianico, passando per il centro, lungo via Cavour e poi nel tratto di via Roma, da piazza Garibaldi a piazza Manzoni.
    Il tram “sferragliava” sulle rotaie, nell’anno dell’unificazione della città, quando il Comune superò la zona della stazione ferroviaria, assorbendo municipalmente la vallata del Gerenzone e l’altro territorio pedemontano ai primi rilievi dei monti Resegone e Magnodeno. Era una città di oltre 28.000 abitanti.
    Il tram venne sostituito nel 1953, quando venne organizzato un più ampio servizio territoriale cittadino delle linee bus, che andavano oltre la direttrice Maggianico-Malavedo, toccando altri rioni. La vettura deragliata a Cavalesine di San Giovanni la mattina di sabato 11 dicembre 1943 rappresentala più grossa sciagura lecchese dell’intero Novecento, con 14 vittime.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco