Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 28.550.296
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 16 febbraio 2017 alle 17:31

Annone- Civate: in Regione si discute della ricostruzione dei ponti

Riportiamo i comunicati diffusi dai consiglieri regionali lecchesi Raffaele Straniero, Mauro Piazza e Antonello Formenti relativamente al crollo del ponte di Annone e al sovrappasso in località Isella a Civate, di cui si è discusso questo pomeriggio in commissione infrastrutture:
Questo pomeriggio in Commissione Infrastrutture è stata approvata la risoluzione concernente il crollo del ponte di Annone di Brianza, problematiche inerenti al sovrappasso in località Isella-Civate e le conseguenti ripercussioni sul tessuto produttivo della Provincia di Lecco. Voto favorevole del Partito Democratico che comunque si riserva di presentare alcuni emendamenti in Aula in occasione del voto finale.
“Bene la risoluzione
– dichiara il consigliere regionale del PD Raffaele Straniero – e quindi la richiesta dell’istituzione di un tavolo tecnico ad hoc per cercare di risolvere quanto prima questa situazione che arreca molti disagi sia in termini di mobilità che economici per il tessuto imprenditoriale locale. Già in settimana un decisivo passo avanti lo ha segnato il Governo assicurando lo stanziamento dei fondi per la ricostruzione. Adesso tocca a Regione Lombardia fare la sua parte. Credo che un’azione comune di tutti i livelli di governo sia molto importante per raggiungere l’obiettivo che tutti auspichiamo della ricostruzione in tempi rapidi del ponte di Annone''.
E’ stata approvata oggi all’unanimità in V Commissione Territorio e Infrastrutture di Regione Lombardia la risoluzione voluta dal consigliere lecchese Mauro Piazza che impegna la Giunta a ''verificare le risultanze dell’incontro avvenuto in data 14 febbraio 2017 presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, dandone comunicazione alla Commissione consiliare competente e a verificare le dimensioni economiche e l’entità di esborso dell’intervento di ricostruzione del Ponte di Annone di Brianza e della manutenzione straordinaria del sovrappasso di Isella Civate''.
L’obiettivo per Regione Lombardia è quello di avere un’esatta consapevolezza degli aspetti economici e delle modalità di intervento, perché gli interventi sul ponte di Annone e sul cavalcavia di Isella portino a una soluzione definitiva dei problemi viabilistici causati a cittadini e imprese dal crollo del ponte di Annone e dalle ripercussioni dello stesso sul cavalcavia di Isella.
La risoluzione chiede anche l’istituzione di ''un tavolo tecnico che monitori l’iter procedurale degli interventi riguardanti i due ponti oggetto della risoluzione (Annone e Isella), affinché i soggetti preposti e responsabili diano corso alla soluzione del problema viabilistico che insiste sulla Superstrada n. 36 e a coinvolgere come membri del tavolo tecnico ANAS, la Provincia di Lecco, i Sindaci dei comuni di Civate, Annone di Brianza e le associazioni di categoria interessate dai disagi provocati dalla chiusura del ponte di Isella- Civate e dal crollo del ponte di Annone di Brianza''.
''L’atteggiamento di chi ha avuto in capo per 30 anni la gestione e la manutenzione del ponte di Annone, ovvero ANAS e lo Stato italiano, è più che deprecabile. La volontà di coinvolgere la Regione, l’unico ente che sul crollo del cavalcavia non ha avuto nessun tipo di responsabilità, rappresenta l’ennesimo schiaffo ai lombardi, liberi solo di pagare le tasse ma mai di ricevere quanto gli spetta. Ma nonostante questo indegno tentativo di scaricabarile, Regione Lombardia farà anche la parte che non gli compete e si adopererà affinché la situazione viabilistica possa tornare al più presto alla normalità, come da oltre 3 mesi dal crollo stanno reclamando imprese e residenti a causa delle pesanti limitazioni e disagi che stanno subendo''.
Così il capogruppo del Carroccio in Consiglio Regionale, Massimiliano Romeo, e il consigliere regionale della Lega Nord, Antonello Formenti intervengono a seguito della riunione tenuta lo scorso martedì al Ministero delle Infrastrutture. ''Altrettanto vergognoso – proseguono i due consiglieri – è il fatto è che lo Stato, dopo avere manutenuto il ponte per 30 anni attraverso ANAS, non sappia nemmeno dire di chi sia la proprietà''.
''La vicenda – concludono Romeo e Formenti – rappresenta l’ennesimo esempio di uno Stato che combina disastri, dal trasporto pubblico alla gestione delle strade, e di una Regione virtuosa che, nonostante i continui tagli, cerca di porvi rimedio''.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco