Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 34.875.630
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 16 febbraio 2017 alle 22:58

Chiediamo al sindaco la revoca del provvedimento bavaglio

Al Sindaco di Calolziocorte

OGGETTO:  “provvedimento bavaglio”

Signor Sindaco,
apprendiamo in questi giorni la notizia inerente l’apertura di un provvedimento disciplinare nei confronti di una dipendente comunale che, in qualità di mamma, in una riunione pubblica serale di genitori, riuniti per discutere temi positivi inerenti la scuola dei loro figli, avrebbe indicato il nome dell’Assessore comunale che avrebbe fatto defiggere alcuni striscioni all’esterno della scuola.
Tema questo della scuola su cui, purtroppo, anche nella discussione consiliare abbiamo dovuto registrare la provocatoria e insensata annotazione tesa a non far votare una nostra consigliera comunale per “motivi di interesse”, in quanto madre di un bambino che va a scuola. Follia pura.  
Tornando al provvedimento disciplinare nella sostanza questo assume tutti, e ribadiamo tutti, i toni bui di una censura politica.
Un’autorità che intende porre un dettame  su cosa dire e cosa non dire ai cittadini, allorquando non vengono compromessi atti e procedure che per loro natura devono restare secretati, reprime una libertà fondamentale della democrazia. In questo caso non ci sono stati comportamenti professionali e deontologici scorretti al punto tale da avviare percorsi disciplinari.
Aprire le porte ad improvvidi atti di censura,  praticando atti chirurgici pesantemente invasivi nella cultura della partecipazione alla vita democratica, che è un dovere anche per i pubblici dipendenti del Comune, è una grave operazione “bavaglio” che, fra le malsane censure, ci fa venire in mente i tempi del “Minculcop”.
Ci risulta inoltre che l'atteggiamento di questa amministrazione verso i dipendenti , indipendentemente dalla loro condotta e dal loro rendimento, abbia da tempo creato un clima di malessere generale che di certo non giova al buon andamento dell'amministrazione.
Restando in attesa di un ravvedimento operoso, teso al ritiro immediato dell’improvvido provvedimento oggetto della presente, si porgono saluti.                                                                              

“CASA delle SINISTRE
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco