Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 22.185.480
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 17 febbraio 2017 alle 16:17

La Polizia di Stato si aggiudica il Trofeo Interforze, donata ai genitori dell’agente Francesco Pischedda la coppa in suo nome

È stata donata ai genitori di Francesco Pischedda, l’agente della Polizia stradale di Bellano scomparso lo scorso 2 febbraio in servizio, la coppa del Trofeo Interforze intitolata alla sua memoria. A conquistarla sulle piste dei Piani di Bobbio, che nella mattinata di oggi hanno fatto da teatro alla competizione, è stato il primo agente classificato nello slalom Carlo Acquistapace, che insieme al dirigente della sezione lecchese Mauro Livolsi ha consegnato il premio a Giovanni Pischedda e alla moglie Diana, giunti in tarda mattinata sulle piste innevate insieme alla figlia Valentina, il suo compagno e una parente.

La Polizia di Stato con i genitori di Francesco Pischedda


La consegna del trofeo ai famigliari

La ventunesima edizione della giornata all’insegna dello sport e dell’amicizia promossa dal Comitato Interforze – Tempo Libero – Provincia di Lecco è stata ricca di emozioni proprio grazie alla presenza della famiglia del 28enne, che durante l’inseguimento a piedi di un giovane moldavo destinatario di un mandato di cattura internazionale – ancora ricoverato in ospedale – è precipitato da un viadotto della SS 36 a Colico.
Gli agenti della Polstrada e gli esponenti delle istituzioni e delle forze dell’ordine presenti nella località sciistica hanno espresso vicinanza ai famigliari di Francesco, tornati dalla Sardegna sul territorio lecchese e che hanno voluto partecipare alla giornata dedicata allo sport e onorare la sua memoria.

Polizia di Stato

Carabinieri in congedo

“Ricordiamo un momento doloroso con una bella iniziativa di amicizia e solidarietà” ha detto Don Andrea Lotterio, cappellano della Polizia che ha aperto il momento dedicato alle premiazioni insieme ai cari dell’agente scomparso. “Ricevi Francesco e donalo come presenza che continua nei nostri cuori” è stata la preghiera rivolta a Dio, seguita da un minuto di silenzio e un applauso spontaneo da parte di tutti i presenti.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

È stata la Polizia di Stato ad aggiudicarsi il Trofeo Interforze nella categoria “in servizio”, consegnato dal Questore Gabriella Ioppolo, mentre i Carabinieri hanno trionfato tra coloro che sono in congedo ricevendo la coppa dal comandante provinciale tenente colonnello Pasquale Del Gaudio. 

I famigliari di Francesco con Don Adrea lotterio (sulla destra), Pippo di Lelio e un componente del Comitato promotore

La “medaglia d’oro” per lo Snowboard è andata ad Aldo Riva, seguito da Davide Videntini e Giuseppe Di Nardo.
Il Prefetto Liliana Baccari ha consegnato le coppe ai ragazzi Nicola Spoto, Melissa Spagnolo e Aurelia Casartelli e una medaglia è andata a tutti i piccoli partecipanti.

Il Prefetto Liliana Baccari consegna le coppe ai ragazzi

La consegna delle coppe a cura del comandante provinciale tenente colonnello Pasquale Del Gaudio

Tra le donne (premiate dal tenente colonnello Del Gaudio) si sono classificate ai primi tre posti Annarita Cappelli, Sara Cappuccini e Maria Rita Poggi, mentre tra gli “over in servizio” hanno primeggiato Italo Fazzini, Francesco Pacifici e Massimo Zugnoni, che hanno ricevuto la coppa dall’assessore regionale Antonio Rossi. I trofei per gli “over in congedo” sono stati consegnati dal Questore Ioppolo a Paolo Rognoni, Maurizio Faraveni e Vittorio Canali.

L'assessore regionale Antonio Rossi consegna i premi

Il Questore Gabriella Ioppolo accanto al podio

Gli “juniores in servizio” saliti sul podio sono Nicola Airò, Andrea Mozzoni e Alessandro Stabile, cui il comandante della Polizia locale di Lecco Franco Morizio ha consegnato la coppa. Tra gli juniores in congedo l’unico partecipante - premiato da Pippo di Lelio - è stato Diego Combi.
Spazio poi ai “simpatizzanti” con Antonella Manzoni, Paola Frigerio e Raffaella Maggioni – premiate dal comandante della Guardia di finanza provinciale colonnello Massimo Dell’Anna – e la categoria maschile che ha visto trionfare Mattia Arrigoni, Walter Ciaponi e il fratello Fabio Ciaponi ai quali la coppa è stata consegnata dal capo squadra Giuseppe Andria.

Franco Morizio, comandante della Pl di Lecco, consegna i premi

Michele Camelia ha distribuito i trofei ai vincitori nel Fondo Pietro De Angelis, Marco Zonno e Luigi Paoletti, mentre il primo assoluto – alla memoria di Mariateresa Pozzi – è stato Mattia Arrigoni premiato da Peppino Suriano.
La Coppa della Prefettura è stata consegnata nelle mani di Pippo Di Lelio in rappresentanza del folto gruppo di organizzatori che ogni anno rendono possibile il Trofeo Interforze. Egli a sua volta l’ha donata alla Polizia penitenziaria, presente sia con partecipanti alle gare che in qualità di collaboratori all’evento.

Primo assoluto e primo agente della Polizia premiato con la coppa intitolata a Pischedda,
consegnata da Mauro Livolsi e Pippo Di Lelio e donata ai genitori

Alcune targhe sono infine state consegnate ad alcuni dei protagonisti della manifestazione, chiusa con un sentito applauso ai genitori di Francesco Pischedda al quale sarà intitolata la caserma della Polizia stradale di Bellano.

Questa la preghiera letta da Don Andrea Lotterio:

Ricevi, Signore, le nostre paure e trasformale in fiducia.
Ricevi la nostra sofferenza e trasformala in crescita.
Ricevi il nostro silenzio e trasformalo in adorazione.
Ricevi le nostre crisi e trasformale in maturità.
Ricevi le nostre lacrime e trasformale in preghiera.
Ricevi la nostra rabbia e trasformala in intimità.
Ricevi il nostro scoraggiamento e trasformalo in fede.
Ricevi la nostra solitudine e trasformala in contemplazione.
Ricevi le nostre amarezze e trasformale in calma interiore.
Ricevi le nostre attese e trasformale in speranza.
Ricevi la nostra morte e trasformala in risurrezione.
Ricevi Francesco nelle tue braccia e continua a donarci la sua presenza nei nostri cuori, con l’amore e l’affetto di un figlio, di un fratello, di un amico.
R.R.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco