Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 35.815.682
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 20 aprile 2017 alle 19:37

Malgrate: Giunta a confronto sul lungolago, i commercianti si propongono per la gestione

Un’area affidata – in via sperimentale – all’associazione dei commercianti che ha proposto al Comune di occuparsi della gestione dell’intero lungolago e la sistemazione delle rimanenti zone verdi in modo che le persone non possano entrarci.
Potrebbe essere questa la soluzione futura per la zona più nota – e frequentata – di Malgrate, oggetto anche quest’anno di confronto tra gli amministratori in vista dell’arrivo dell’estate. Nella giornata di oggi la Giunta ha discusso della questione, dopo aver ricevuto da parte della neonata realtà che riunisce i negozianti una proposta per l’organizzazione delle attività nei prossimi mesi.

Uno scorcio del lungolago malgratese

“La loro volontà è quella di gestire l’intero lungolago organizzando un’area lettura dotata di sedie sdraio e un’area gioco per i bambini. Hanno inoltre chiesto la possibilità di chiudere la strada al transito per proporre alcune serate caratterizzate da iniziative eno-gastronomiche” ha spiegato il sindaco Flavio Polano. “Su quest’ultimo aspetto siamo favorevoli in linea generale, si potrebbe pensare anche ad un evento al mese”.
Diverso il discorso per la gestione delle “zolle” verdi, oggetto di confronto anche lo scorso anno dopo essere state “prese d’assalto” da orde di visitatori in bikini e salviettone nonostante i divieti vigenti. Una sperimentazione con lettini prendisole era stata concessa ad uno dei commercianti del lungolago ma l’intenzione dell’amministrazione è quella di non destinare la passerella panoramica del paese ad un utilizzo in stile “lido”.

La sperimentazione dello scorso anno

“Lo abbiamo già ripetuto in più occasioni, è un lungolago e non una spiaggia” ha ribadito il primo cittadino. “Per questo abbiamo chiesto all’architetto Stefano Santambrogio che ha progettato questo luogo una consulenza (gratuita) per la piantumazione delle zone verdi. Potremmo anche valutare di indire una gara per l’affidamento a ditte private (grossi vivaisti) che possono poi apporre il loro nome in una vetrina senz’altro di prestigio. Nel frattempo siamo pronti a valutare anche soluzioni “ponte” per non far entrare le persone nelle aiuole”.
L’ipotesi dei commercianti di un’area gioco per bimbi non ha trovato il favore della Giunta, mentre per l’affidamento di una parte per creare una “zona lettura” il confronto proseguirà. “Una gestione privata porterebbe dei vantaggi in termini di manutenzione e controllo (i commercianti si sono detti disponibili anche a organizzare un servizio di vigilanza) ma non deve essere estesa all’intero lungolago a nostro avviso. Anche un’area piena di lettini prendisole come quella dello scorso anno non ci sembra la soluzione migliore. Incontreremo i negozianti prossimamente per valutare come avviare un’eventuale sperimentazione destinata al relax”.
Il prossimo innalzamento delle temperature porterà nuovamente molti visitatori sul lungolago di Malgrate. Rendendo le zone a prato “off limits” – e in considerazione della riapertura del Pratone di Parè – l’auspicio dell’amministrazione è che il “salotto” affacciato su Lecco intitolato a Gianni Codega non debba nuovamente fare i conti con l’inciviltà ma resti una splendida “passeggiata”, lo scopo per cui è stata creata.
R.R.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco