Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 27.425.974
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 21 aprile 2017 alle 13:18

Lavoro: il terziario traina la crescita occupazionale, tanti lecchesi occupati fuori Provincia. La ripresa ancora lunga

Nel titolo del settimo rapporto annuale dell’Osservatorio Provinciale – “Il lavoro che cresce e che cambia” - presentato questa mattina presso l’Auditorium della Casa dell’Economia di Via Tonale, è racchiusa la sintesi di uno scenario che presenta indicatori positivi che fanno ben sperare per la ripresa e l’occupazione, ma che tuttavia si mantengono ancora ben lontani dai livelli pre-crisi economica.

Da sinistra Gianni Menicatti, Luca Schionato (Gruppo Clas), Maurizio Del Conte (ANPAL), Claudio Gagliardi (vice segretario generale Unioncamere), Marco Giorgioni (presidente lariodesk Informazioni), Romano Benini (consulente Ministero del lavoro e delle politiche sociali)

Tra i segnali caratterizzati dal un “+” rientrano l’aumento della popolazione occupata residente in Provincia, cresciuta nel 2016 del 2%, unitamente al tasso di disoccupazione che si è ridotto dal 6,2 al 5,8%. Sono 3.000 in più le persone che lavorano rispetto all’anno precedente, per un totale di oltre 150.000 occupati (+ 7.000 nell’ultimo triennio). Il tasso di occupazione provinciale è pari al 68% (era del 67,8% nel 2008). Tra i settori in ripresa figura quello dell’industria (edilizia esclusa) con un incremento di 5.000 occupati. A trainare il trend positivo è il settore dei servizi, con 1.000 persone in più che lavorano.

La quantità dei “neet” (giovani che non studiano e non lavorano) è ancora tre volte superiore rispetto ai numeri del 2008 nonostante sia in calo, mentre sono decisamente in positivo i numeri riguardanti l’occupazione femminile. Il tasso di disoccupazione è calato dal 7,9 al 7,4% e sono cresciute sia le donne che hanno un impiego (del 4,6%) sia quelle attive (+ 4,4%).


Ad un incremento del numero degli occupati non corrisponde però quello dei posti di lavoro, cresciuti di 1.000 unità sul 2015 e che portano ad un recupero solo parziale della perdita superiore a 2.000 unità registrata nel 2014. Molti residenti lecchesi vanno infatti a lavorare nelle Province vicine, in particolare Monza e Brianza e Milano.

Daniele Riva, Giuseppe Scaccabarozzi, Mauro Gattinoni


Un aspetto, questo, sottolineato in particolare dal Presidente della Camera di Commercio di Lecco Daniele Riva, che ha introdotto gli interventi dei relatori.

“Ogni giorno 1.100 persone si spostano da qui verso la Provincia di Sondrio (1.400 fanno il viaggio in senso inverso), 9.400 vanno in Provincia di Monza e Brianza a fronte di un’entrata di 6.400 unità, mentre verso Milano si spostano 10.300 lavoratori e ne arrivano 2.300” ha sottolineato. “Si tratta di aspetti importanti da approfondire, per riflettere sul “capitale umano” e l’occupazione che sono temi fondamentali per comprendere lo scenario economico futuro del nostro territorio”.
L’8 maggio, ha annunciato Riva, il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti sarà a Lecco e a giugno, in occasione della 15^ Giornata dell’Economia, uno specifico focus sarà incentrato sull’occupazione.
“Per quanto riguarda il 2016 gli aspetti positivi non mancano, si è verificato un incremento dell’impiego in determinati settori come il terziario a discapito dell’edilizia, un segnale dei cambiamenti del mercato cui è necessario prestare attenzione. La situazione dei neet permane critica, per questo è fondamentale l’impegno nell’attuazione di politiche – come l’alternanza scuola/lavoro – in grado di fornire una possibilità ai giovani che escono dalla scuola. Il ruolo dell’ente camerale è quello di favorire il dialogo tra soggetti economici e pubblica amministrazione per promuovere competitività, sviluppo e servizi mirati” ha conlcuso Riva.

Il vice presidente provinciale Giuseppe Scaccabarozzi ha evidenziato il ruolo dell’ente sovracomunale nel promuovere soluzioni quali doti, tirocini, esperienze innovative nel collocamento di persone disabili, fasce deboli e donne, ma anche incontri e sostegno ai lavoratori attraverso l’Unità di crisi. “I gruppi dedicati alla Formazione e il Welfare svolgono un ruolo fondamentale nella promozione di quelle politiche attive per il lavoro che in Italia godono di finanziamenti nettamente inferiori rispetto ad altri Paesi europei come la Germania” ha affermato.

Si è soffermato sulle problematiche riguardanti i giovani Mauro Gattinoni (Network Occupazione Lecco), indicando nel loro accompagnamento verso il mondo lavorativo il tema principale su cui focalizzare l’attenzione. “Il lavoro non solo cresce ma cambia, anche in funzione delle politiche adottate a livello nazionale. Se tra il 2014 e 2015 si è verificato un boom dei contratti a tempo indeterminato grazie agli incentivi fiscali, nel 2016 abbiamo registrato un calo e una corrispondente crescita di formule contrattuali più flessibili. Se vogliamo creare occupazione dobbiamo agire sulla leva fiscale. I territori vicini inevitabilmente costituiscono un’attrattiva per gli occupati residenti nel lecchese, ma con uno sviluppo in direzione dell’industria 4.0 e una politica di servizi qualificati rivolti alle imprese, queste potranno crescere in un’ottica di network e attrarre nuova occupazione. L’attenzione al welfare locale, che offra servizi attivabili dal pubblico e dal privato, è fondamentale per mantenere qui i nostri lavoratori”.
Gianni Menicatti e Luca Schionato del gruppo Clas Spa hanno evidenziato il dato positivo della “ripartenza” del lavoro in Provincia di Lecco.
Il nostro territorio nella classifica lombarda figura ai primi posti per molti aspetti: siamo secondi per tasso di attività della popolazione tra i 15 e i 64 anni (e relativo tasso di occupazione), al penultimo posto per il tasso di disoccupazione (5,8%). Meglio di noi c’è Bergamo, mentre la “maglia nera” spetta a Mantova con l’8,7%.


La percentuale di avviamenti nell’industria sul totale degli avviamenti ci pone al primo posto in Lombardia.
Al contempo sono calate le ore di cassa integrazione autorizzate.

“Lecco in generale migliora, però siamo ancora lontani dai livelli pre-crisi” ha spiegato Menicatti. “Il tasso di disoccupazione è diminuito ma è lontano dai valori del 2008, la percentuale dei neet è al 10% e 9 anni fa era del 3%. Il sistema deve ancora recuperare molto nonostante dal 2013 il numero degli occupati abbia ripreso ad aumentare. Per quanto riguarda i posti di lavoro, la ripresa si è verificata dal 2014”.

La crescita occupazionale in corso sarà caratterizzata da cambiamenti strutturali del mercato del lavoro, già visibili nel trend 2016 che ha visto l’ago della bilancia spostato in positivo verso servizi e terziario a discapito dell’industria.
R.R.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco