Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 31.361.726
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 18 maggio 2017 alle 17:21

Lecco: 'lezione' su commissione in stazione si tramuta in rapina, 6 giovani denunciati

Si è conclusa con sei denunce a carico di altrettanti cittadini extracomunitari di cui due minorenni l'attività investigativa portata avanti dagli uomini della Polizia Ferroviaria di Lecco a seguito di un increscioso episodio verificatosi presso lo scalo ferroviario del capoluogo in data 12 aprile.
All'origine della vicenda vi sarebbero profondi screzi tra due fratelli, probabilmente legati a questione sentimentali e dunque ad una "fidanzatina" contesta. Fatto sta che il mese scorso uno dei due - 20 anni appena - mentre in treno stava raggiungendo Lecco avrebbe ricevuto una telefonata dell'altro che gli preannunciava che, ad attenderlo in stazione, avrebbe trovato dei suoi emissari pronti a "dargli una lezione". Ed effettivamente, arrivato sulla banchina, il ragazzo sarebbe stato avvicinato - stando alla ricostruzione poi fornita dallo stesso alla Polfer - da un marocchino che, annunciandogli di essere stato inviato dal fratello, avrebbe provato ad acciuffarlo.
Scappata nell'atrio della biglietteria, la vittima si sarebbe presto trovata circondata da una decina di soggetti, tutti magrebini. Questi, con la promessa di non picchiarlo, inizialmente gli avrebbero chiesto dei soldi: non avendone, il ventenne si è visto sfilare il cellulare.
Esaminati i filmati del sistema di videosorveglianza cittadino, con "occhi elettronici" posti anche nel piazzale antistante la stazione, i poliziotti hanno proceduto poi a ulteriori accertamenti arrivando a risalire all'autore del fattaccio e ai suoi complici. Rapina l'accusa mossa nei loro confronti.
Tutti con precedenti di Polizia nonostante la giovane età, gli stranieri sono ora a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco