Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 34.875.553
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 18 maggio 2017 alle 18:22

Lecco, 'mazzette' al funzionario Asl: al processo non deporrà il filippino che fece scattare le indagini, arrestato per omicidio e occultamento di cadavere

Il Palazzo di Giustizia di Lecco
Da lui partì l'intera attività investigativa che ha portato poi - nel dicembre del 2015 -  all'emissione di due ordinanze di custodia cautelare e all'iscrizione di una decina di ulteriori soggetti nel registro degli indagati. Eppure non verrà sentito in Aula nell'ambito del procedimento penale intentato nei confronti di cinque coinvolti nella vicenda che, in udienza preliminare, hanno optato per il dibattimento, convinti probabilmente di poter dimostrare - dinnanzi al collegio giudicante del Tribunale di Lecco presieduto dal dr. Enrico Manzi con a latere i colleghi Nora Lisa Passoni e Salvatore Catalano - la loro estraneità alle accuse mosse dagli inquirenti nei loro confronti. Dopo il patteggiamento dei due personaggi cardine della vicenda - il funzionario dell'Asl di Lecco Francesco Policaro (3 anni e 6 mesi) e l'imprenditore con "casa e bottega" in città Paolo Pozzi (2 anni e 6 mesi) - nonché di altri due indagati minori, si è aperto quest'oggi il processo a carico di ulteriori cinque persone "scottate" dall'inchiesta All Clean, vertente su un ipotizzato "sistema corruttivo" nei confronti del pubblico ufficiale preposto ai controlli sanitari presso gli esercizi commerciali del territorio. Non siederà però al banco dei testimoni John Carlo Lardizabal, il 27enne filippino dalla cui denuncia è poi scaturita l'indagine, delegata alla Guardia di Finanza di Lecco. Il sostituto procuratore Paolo Del Grosso non lo aveva infatti inserito nella propria lista di persone da escutere, non riuscendo a rintracciarlo e avanzando quest'oggi istanza di integrazione dell'elenco di nominativi direttamente in Aula. Alla proposta si è opposta l'avvocato Simona Crippa, difensore (su delega dei colleghi emiliani Bonazzi e Magnani titolare dell'incarico) dell'imputato Weijie Pan, proprietario del ristorante orientale presso il quale il giovane lavorava prima di "dissidi" che hanno portato al suo allontanamento e - di "ripicca", si ritiene - alla segnalazione alle fiamme gialle del suo ex "capo" per quei "clienti importanti" che a suo dire in maniera sospetta non passavano dalla cassa uscendo dopo aver pranzato. "Poteva essere indicato prima" ha sostenuto il legale in riferimento a John Carlo Lardizabal evidenziando come lo stesso risulti  - da una banale ricerca in internet - essere stato arrestato nell'estate del 2015 con le pesanti accuse di concorso in omicidio volontari e soppressione di cadavere, su ordinanza a firma del Gip Roberto Arnaldi del Foro di Milano, per l'assassinio di Glenn Padilla Villamar, 35enne filippino, trovato carbonizzato in un prato del monzese. Dello stesso avviso dell'avvocato Crippa anche il collegio che, al momento, non ha ammesso il cameriere tra i testi della pubblica accusa.
I difensori prenderanno visione, poi, nei prossimi giorni dell'integrazione agli atti d'indagine depositata nella mattinata di ieri dal PM, finita al centro di una prima iniziale "scaramuccia" con protagonista sempre il dr. Del Grosso e l'avvocato dell'imputato Weijie Pan a processo congiuntamente ai signori Carlo Valerio (avv. Brambilla), Mostafa Elhawary (avv. D'Amico), Elisa Mazzoleni (avv. Pelizzari) e del presidente dell'ordine dei geometri lecchesi Marco Tentori (avv. Pelizzari).
La causa è stata aggiornata al prossimo 8 febbraio per l'audizione dei testi dell'accusa e eventualmente degli imputati. Il 15 giugno, si terrà invece una seduta flash, per il solo conferimento dell'incarico alla dottoressa Maria Cristina Bruno scelta quale perito per la trascrizione delle intercettazioni operate nel corso delle indagini.
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco