Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.896.740
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 26 maggio 2017 alle 08:20

Calolzio: la danza di Paolo e Giada supera la disabilità e regala un fiume di emozioni

Vedere due bimbi che danzano di fronte a centinaia di persone è già di per sè uno spettacolo.
Ieri sera, alla festa del Pascolo, c'era però un motivo in più per applaudire l'esibizione dei giovanissimi ballerini calolziesi Paolo e Giada: la loro è stata bellissima danza contro la disabilità.

Paolo e Giada

Con i genitori e i maestri di ballo

Giada con mamma e papà

Il primo è ipovedente, la sua "compagna" invece è affetta di sindrome di down. Si sono conosciuti presso la "Elau - La scuola del ballo" di Pescate: insieme fanno faville. Alle 22, tra uno scoscio di applausi, hanno fatto il loro ingresso sulla pista dell'oratorio della frazione di Calolzio. In un attimo hanno aperto le danze, ma ancor di più i cuori dei presenti lanciandosi in un passo a due che ha riempito l'intera festa di tante belle emozioni.

VIDEO


"Con questa serata abbiamo voluto lanciare un messaggio chiarissimo: la disabilità non ha limiti. I nostri figli possono fare tutto e non devono essere messi da parte. Se incontrano chi è disposto ad aiutarli riescono ad ottenere grandissimi risultati" ha sottolineato Elio Canino, "super-papà" che per la sua Giada, un paio di anni fa, era arrivato persino a incatenarsi di fronte alla scuola primaria "Mondo Giusto" per chiedere la nomina della maestra di sostegno per la bimba. "Non vogliamo parlare solo dei problemi e delle difficoltà che dobbiamo affrontare. Con questo ballo vogliamo portare gioia e allegria, la stessa che provano Giada e Paolo quando danzano".

La piccola ballerina ha iniziato a calcare la pista a settembre: subito è stato amore per la musica, il ritmo e il movimento. Non si è più fermata, regalando un mare di soddisfazioni a mamma, papà e ai maestri Elena ed Augusto. Circa tre mesi fa ha incontrato anche Paolo e hanno iniziato a ballare insieme fino all'esibizione del Pascolo, la prima di una serie tra le feste del circondario.
"E' iniziato tutto per gioco e divertimento. Subito siamo rimasti davvero colpiti, anzi sbalorditi, dal loro impegno e soprattutto dai risultati che sono riusciti ad ottenere: sono diventati le 2 due mascotte di tutta la scuola" ha continuato Canino.

Lo spettacolo ha lasciato a bocca aperta amici, conoscenti e calolziesi accorsi al Pascolo per incoraggiare i due coraggiosissimi bambini.
La dimostrazione di quanto si può ottenere se non ci si ferma alla prima difficoltà e se si lavora per abbattere i muri, fisici e mentali che si incontrano sulla strada.
"La disabilità si vede solo se si vuole vederla: chissenefrega se qualcuno ha un cromosoma in più!" ha "urlato" la poetessa Ausilia Minasi al pubblico presente. "Il ballo riesce ad aprire il cuore e la mente delle persone e spero che in tanti seguano l'esempio di questi due ragazzi davvero speciali".

Paolo e Giada hanno "aperto le danze" della festa all'oratorio del Pascolo che fino a domenica 11 giugno animerà la frazione calolziese con musica, cucina, eventi e manifestazioni.
Tra i prossimi appuntamenti, si segnala questa sera (venerdì) il concerto di "Teo e le veline grasse" mentre sabato 27 maggio si fa il botto con la tradizionale "Lucciolata", camminata giunta alla sua 38° edizione e che quest'anno vuole battere il record delle oltre 1.500 presenze.
Giovedì 1 Giugno (mentre la band suonerà le cover dell'intramontabile Lucio Battisti) ci sarà anche uno speciale menù per celiaci. La serata è organizzata in collaborazione con AIC Lombardia e Avis Calolziocorte e Vercurago.
P.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco