Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 28.657.465
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 15 luglio 2017 alle 11:24

Un chilo di 'cocaina nera' partito dalla Bolivia e destinato a Colico intercettato dalla GdF, un arresto

Hanno aspettato che il plico le venisse recapitato a casa, per poi trarla in arresto. Una domenicana - A.G. le iniziali, disoccupata con casa a Colico - è finita in manette nell'ambito dell'operazione Perseo condotta dalle Guardia di Finanza di Varese e volta a contrastare - in collaborazione con i funzionari del locale Ufficio dell'Agenzia delle Dogane - il traffico internazionale di sostanze stupefacenti attraverso il capillare monitoraggio del flusso postale presso l'Area Cargo dell'aeroporto di Malpensa.
L'attività investigativa, nel complesso, ha permesso di intercettare, negli ultimi mesi quasi cento spedizioni risultate contenere, anche mediante il ricorso a sofisticati metodi di occultamento oltre 205 chili di sostanza stupefacente (oltre 18 KG di cocaina, 3 KG di eroina, oltre 40 KG di marijuana, quasi 5 KG di hashish, oltre 100 KG di KHAT e 30 KG di altre sostanze), nonché di arrestare 11 persone mentre altre 21 sono state denunciate a piede libero all'Autorità Giudiziaria.

La peculiarità dell'operazione Perseo - spiegano le Fiamme Gialle - è stata anche quella di estendere le attività all'intero territorio nazionale grazie all'esecuzione di 14 "consegne controllate": i baschi verdi hanno seguito il destino della merce, fino alla presa in carico della stessa da parte dei soggetti indicati in etichetta.
Ed è così che, operando in sinergia con la Procura di Busto Arsizio, i finanzieri varesini sono arrivati anche in provincia di Lecco, seguendo il viaggio di una pacco partito dalla Bolivia. All'interno infatti dello stesso, ispezionato preventivamente dai militari, è stato rinvenuto un apparecchio elettronico, "custodia" di un involucro di plastica "farcito" con un chilo di cocaina nera, ossia la classica "polvere bianca" mescolata a particelle magnetiche di ferro e di potassio tiocianato che ne cambiano il colore e soprattutto l'odore, in modo che possa sfuggire all' olfatto delle unità cinofile. Quello operato a Colico, rappresenta uno dei primi sequestri in Italia di Black cocaine. Tale droga, prima di essere immessa sul mercato, deve essere poi nuovamente trattata per tornare "candida".

In un'altra operazione sono stati arrestati tre soggetti, residenti nella bergamasca, resisi responsabili dell'importazione di oltre 24 chili di marijuana contenuta in tre diverse spedizioni. Deferito in stato di libertà, poi, anche il "corriere di zona" , dipendente di una ditta di trasporti, cittadino albanese, anch'egli complice, stando alle risultanze investigative, dell'organizzazione: quest'ultimo, dietro compenso, si preoccupava di individuare le spedizioni arrecanti quali destinatario persone inesistenti, decedute o residenti in vie non riscontrabili sullo stradario nonchè di consegnare poi la merce in luoghi stabiliti adibiti a magazzino.
Nel corso dell'operazione sono stati, inoltre, sequestrati oltre 9.000 prodotti farmaceutici sprovvisti delle previste autorizzazioni rilasciate dall'Agenzia Italiana del Farmaco, diversi apparati telefonici, personale computer, tablet e 27.000 euro in contanti , proventi derivanti dall'attività di spaccio.
L'attività appena conclusa - chiosano i militari di Varese - conferma il costante impegno della Guardia di Finanza nel contrasto ad ogni forma d'illegalità, con particolare riguardo alla lotta al traffico di sostanze stupefacenti e di conseguenza alla tutela della salute dei cittadini .
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco