Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 35.815.866
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 12 ottobre 2017 alle 13:32

Questura di Lecco: la sala operativa a portata di click con 5 tablet per le Volanti.Opuscolo per i ragazzi

Si va verso una Polizia sempre più "smart": anche le Volanti della Questura di Lecco saranno - a partire dai prossimi giorni - dotate di tablet per consentire agli operatori di effettuare controlli in "real time", senza dover consultare la sala operativa. Fermata un'auto a bordo strada o identificati gli avventori di un locale in centro, i poliziotti avranno ora tutte le informazioni loro necessarie per procedere al controllo direttamente a portata di click.

Al centro il vicario dr. Carlo Mazza

Come ben evidenziato dal dirigente Enrico Burbi, "avere la sala operativa in tasca permetterà di velocizzare i tempi, arrivando a duplicare o triplicare le verifiche, con vantaggi anche per i cittadini che vedranno accorciata l'attesa". Cinque i dispositivi al momento acquistati: si tratta di normali tablet in libero commercio di misura medio-piccola (proprio per consentire ai poliziotti di portare lo strumento con loro anche nel corso dei servizi a piedi) sui quali è stato installato un apposito software della Polizia di Stato che permetterà anche l'acquisizione di immagini e filmati con data certa, utilizzabili dunque quali fonte probatorie anche in una successiva fase investigativa-processuale.

A destra il dr. Enrico Burbi, dirigente delle Volanti

Uno dei tablet acquistati

I costi per l'acquisto sono stati sostenuti dalla Fiocchi Munizioni che ha sponsorizzato il progetto, già portato avanti anche in altre realtà. Nasce infatti, come argomentato dal vicario del Questore, dr. Carlo Mazza, da un protocollo avviato lungo tutto lo Stivale che consentirà dunque anche a Lecco "un migliore e più efficace espletamento del servizio di controllo del territorio".

L'assistente capo Marzia Andreis

Quale ulteriore gesto, invece, di vicinanza al cittadino e, nel caso specifico, degli studenti della Provincia, la Questura di Lecco ha "dato alle stampe" un volumetto che vuole essere, sempre mutuando le parole del dr. Mazza, "un vademecum, ben fatto e ben confezionato dal punto di vista grafico, per tentare di dialogare con i nostri ragazzi". La pubblicazione, curata quanto a contenuti e realizzazione dall'assistente capo Marzia Andreis della Divisione Anticrimine, tratta con un linguaggio semplice, temi quali il bullismo e il cyberbullismo, il blue whale e i pericoli della rete ma anche "piaghe" quali il gioco online, la droga e l'alcool, questioni solo apparentemente lontani dal mondo giovanile.

Il volume

"Ci è stato segnalato il caso di un bimbo di quinta elementari già con problemi di alcoolismo" ha detto la poliziotta, esplicando la volontà "di rendere più consapevoli gli alunni delle conseguenze delle loro azioni. Alcuni comportamenti non sono solo "ragazzate" ma si configurano come veri e propri reati" ha proseguito mostrando il frutto del proprio lavoro, arricchito con disegni realizzati a mano ma anche con consigli e i riferimenti normativi per tradurre, codice penale alla mano, le azioni nelle loro conseguenze giuridiche.
Un centinaio le copie a disposizione, per i ragazzi delle scuole medie e delle superiori, "anche se casi di bullismo si verificano già alle elementari" ha sostenuto l'assistente capo, auspicando che i testi possano essere letti e commentati anche dai genitori per dotarsi di uno strumento che li aiuti a capire "i rischi in cui possono incorrere i loro figli".
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco