Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 35.815.945
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 12 ottobre 2017 alle 16:17

Lecco: la Lega fuori dall'Agenzia delle Entrate per il sì al Referendum

Ha toccato anche Lecco il tour degli onorevoli della Lega Nord Paolo Grimoldi e Angelo Ciocca che, in vista del referendum del prossimo 22 ottobre, stanno peregrinando da una sede dell'Agenzia delle Entrate all'altra, in tutta la Lombardia, a sostegno del Sì.

"La Lombardia regala a Roma ogni anno 54 miliardi di residuo fiscale" è stato sostenuto, dinnanzi ad una rappresentanza dei leghisti del territorio, tra i quali anche il consigliere regionale Antonello Formenti, intervenuto per smorzare le polemiche circa i costi sostenuti per la consultazione popolare e il segretario Flavio Nogara che ha spiegato come il referendum interroghi i lombardi "su qualcosa di molto concreto. Si parla di un qualcosa, come appunto il residuo fiscale, che tocca tutti noi" ha asserito. "Ci stiamo spendendo tanto, per convinzione sostenendo anche i comitati apolitici nati sul territorio, non per un tornaconto elettorale quanto nell'interesse dei lombardi. Il Referendum non è solo un costo come sostengono i detrattori: significa anche democrazia, per dare la possibilità ai cittadini di esprimere un voto, su qualsiasi materia e tanto più su un tema così importante come l'autonomia, le risorse sono ben spese. Non capisco coloro i quali, ritenendo si sia sprecato denaro, sostengono il no o il non voto: solo andando a votare si metterà a frutto la spesa sostenuta".

Nel loro veloce "presidio" dinnanzi all'Agenzia delle Entrate di via Igualada, l'europarlamentare Ciocca e il segretario nazionale della Lega Grimoldi hanno ricordato come trattenendo sul territorio la metà del residuo fiscale si avrebbe la possibilità di migliorare ulteriormente la sanità e il welfare lombardo, agevolando anche il nostro tessuto produttivo e quindi l'occupazione oltre che le infrastrutture.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco