Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.616.584
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 22 ottobre 2017 alle 16:21

Vercurago: 45 anni di fondazione dell'AVIS: 'Grazie ai volontari per questa solidarietà'

Questa mattina sono stati celebrati a Vercurago i 45 anni dalla fondazione della sezione comunale dell'Avis, l'associazione che riunisce i donatori di sangue. Per l'occasione è stato commemorato il ruolo del gruppo nella promozione di attività sociali organizzate insieme alla comunità parrocchiale con una targa esposta nel salone dell'oratorio Giovanni Bosco, costruzione finanziata con l'aiuto dei diversi sodalizi del territorio, tra cui appunto l'Avis.

Dopo la messa delle 10.30, celebrata nella chiesa parrocchiale di via Innominato da Don Roberto Trussardi, i fedeli e i rappresentanti delle sezioni Avis "gemelle" a quella di Vercurago con i loro vessilli, sono stati accolti dal Premiato Corpo Musicale Gaetano Donizzetti di Calolziocorte, che li ha guidati in processione fino all'oratorio, con il supporto di due vigili della polizia locale che si sono occupati di fermare il traffico durante il transito. Nella sala dell'oratorio, dove sono stati esposti tutti gli stendardi delle varie sezioni, hanno preso parola il presidente dell'Avis Vercurago Stefano Tizzoni, il rappresentante provinciale dell'associazione Bruno Mazzini, il sindaco di Vercurago Carlo Greppi e il parroco Don Roberto.

Tutti si sono soffermati a spiegare l'importanza che hanno le associazioni di volontariato sulla formazione di un senso comunitario e nella sensibilizzazione, specialmente dei giovani, su temi sanitari e legati alla donazione. Il sindaco Greppi ha ringraziato a nome della comunità civica l'associazione "per la solidarietà che i suoi membri esprimono con il loro contributo a chiunque ne abbia bisogno senza pubblici proclami, senza enfasi e riuscendo ad aumentare il numero dei loro soci ogni anno".

Il presidente dell'Avis Vercurago Stefano Tizzoni

Ha inoltre voluto ringraziare i passati presidenti della sezione, fondata dal dott. Bolis nel 1972. Bruno Mazzini ha ringraziato la comunità parrocchiale per la collaborazione e il supporto alle attività avisine sul territorio di Vercurago e ha raccontato uno splendido aneddoto per spiegare il valore della donazione. Ha spiegato che qualche settimana fa una ragazza si è presentata nella sede provinciale dell'Avis dicendo di dover cosegnare una lettera.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Ovviamente negli uffici i funzionari pensavano si trattasse di una missiva riguardante qualche questione burocratica o un documento ufficiale, ma si sbagliavano: la ragazza stava consegnando una lettera scritta di proprio pugno, dove ringraziava i donatori e l'associazione, che avevano salvato con il loro contributo il suo fidanzato, che dopo un incidente stradale, nel quale ha subito una recisione dell'arteria femorale, è stato salvato dalla trasfusione di 12 sacche di sangue.

Il sindaco di vercurago Carlo Greppi

La ragazza ha spiegato nella lettera di essere già da tempo una donatrice di sangue, ma di aver capito l'importanza di quel gesto solo dopo averne avuto bisogno sulla sua pelle e quindi ha voluto condividere questa scoperta della consapevolezza coi soci dell'associazione. Mazzini ha auspicato che altre persone acquistino questa coscienza, che viene spiegata coi percorsi di sensibilizzazione, per arrivare a vivere in una società più umana.

Don Roberto Trussardi

Don Roberto ha espresso brevemente il suo ringraziamento all'associazione per il contributo che ha avuto nella riqualificazione dell'oratorio e nell'organizzazione di molteplici attività per i giovani della parrocchia e si è detto felice che il nuovo presidente della sede di Vercurago sia così giovane. Si è quindi augurato che Tizzoni possa fare le scelte giuste per l'organizzazione e che continui a farla crescere come sta facendo da molti anni.

La sede infatti, anche se relativamente giovane, vanta 150 donatori attivi con svariate iscrizioni ogni anno. Dopo i vari interventi il presidente Tizzoni ha offerto un presente al parroco e al sindaco di Vercurago. Quindi è stata mostrata la targa, poi benedetta da Don Roberto che, posta vicina all'entrata dell'ultimo piano del salone dell'oratorio, così recita:

''In occasione dei 45 anni dalla fondazione dell'associazione Avis Vercurago l'Oratorio San Giovanni Bosco inaugura questa targa, simbolo di riconoscenza e gratitudine per le attenzioni mostrate nei confronti delle iniziative dell'Oratorio e la collaborazione condivisa per la crescita della comunità. 22 ottobre 2017''.
Dopo la benedizione la Premiata Banda ha eseguito altri due brani ed è stata offerto un rinfresco ai presenti.
Riccardo Gilardi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco