Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.246.327
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 24 ottobre 2017 alle 09:01

Vercurago: la Rocca raccontata con un'esposizione permanente

Domenica pomeriggio alla Valletta di Vercurago è stata inaugurata l’esposizione permanente dedicata a  “La Rocca dell’Innominato tra paesaggio, storia e letteratura”, curata dall’architetto Sara Fontanellla. La mostra era già stata allestita l’anno scorso nella torre viscontea a Lecco e ora ha trovato collocazione ai piedi della rocca di cui racconta le origini, le vicissitudini ma anche le grandi suggestioni letterarie e religiose.


E’ infatti un luogo che ha saputo catturare l’immaginario di Alessandro Manzoni che lì vi ha collocato la dimora del terribile Innominato. Ai piedi del castello San Gerolamo ha avviato la sua opera di aiuto degli orfani che i padri somaschi continuano ancora oggi. La mostra temporanea del 2016 (che era stata esposta a Lecco e successivamente anche negli spazi del convento di Somasca) si è dunque trasformata in un intervento di carattere duraturo, in grado di contribuire allo sviluppo turistico del sito della Rocca, con un percorso espositivo permanente lungo la salita verso “La Valletta” che richiama già ora moltissimi turisti: tanti i fedeli in pellegrinaggio e le scolaresche in gita che raggiungono la Rocca per respirare l’atmosfera manzoniana e perdersi nello splendido paesaggio sull’Adda e sul Lario che si gode dall’alto.


Il progetto è stato inserito nel calendario del festival “Lecco Città dei Promessi Sposi” ed è stato realizzato con la collaborazione della Comunità Montana della Val San Martino, il Comune di Vercurago, l’Ecomuseo Val San Martino e l’Ordine dei Padri Somaschi.


L’inaugurazione ha dato anche ufficialmente il via all’”Estate di San Martino” la rassegna culturale, giunta alla sua XXVI edizione, che ogni anno, nel mese di novembre, grazie all’Ecomuseo porta nel circondario calolziese eventi, conferenze, concerti, incontri e approfondimenti, dedicati al territorio e alle sue peculiarità ma non solo. Di seguito il programma completo:

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco