Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 34.814.071
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 12 novembre 2017 alle 20:59

Pescate: la Sagra della Cassoeula si conferma un appuntamento enogastronomico molto amato

Due quintali di verza, un quintale di costine, venti chili di cotenna, duecentosettanta salsicce e un bel po' di spirito alpino, il tutto condito da abbondante vino: è questa la magica ricetta della cassoeula degli Alpini di Pescate, che anche quest'anno ha richiamato moltissimi degustatori, riscuotendo un notevole successo.


Si è tenuta infatti proprio oggi, domenica 12 novembre, la quarta edizione della Sagra della Cassoeula; l'atteso appuntamento enogastronomico, organizzato come sempre dai volontari delle penne nere in collaborazione con l'amministrazione comunale pescatese, ha avuto luogo nella struttura appositamente predisposta presso il parco Le Torrette, nella zona sud del paese.


Pare che il piatto protagonista della giornata, pietanza tipica della tradizione popolare e della cucina milanese e lombarda, debba forse il nome alla casseruola dentro alla quale viene preparato, o al cucchiaio con cui si mescola; la ricetta, che presenta diverse varianti a seconda della tradizione regionale locale, prevede l'utilizzo delle verze e delle parti meno nobili del maiale, come la cotenna, i piedini, la testa e le costine, mentre un altro ingrediente, usato in maniera molto parca per dare un minimo di colore al piatto, è il concentrato o la passata di pomodoro.


Quale che sia la ricetta, quel che è certo è che le oltre duecento porzioni preparate alla sagra sono andate a ruba, come hanno spiegato orgogliosamente i volontari: "la preparazione è iniziata venerdì pomeriggio, con la pulizia della verza; ieri mattina abbiamo iniziato la lunga cottura che il piatto richiede e oggi era pronto alla vendita, servito insieme a una porzione di polenta fumante. I primi avventori si sono presentati già alle nove del mattino per ritirare la propria porzione e riscaldarla all'ora di pranzo, seguiti da una folla sempre più numerosa".

 
Per accontentare tutti i palati poi, oltre all'apprezzata cassoeula la cucina ha proposto anche risotto allo zafferano, missoltini, taglieri di salumi e formaggi, verdure grigliate, salsicce e panini: tutto esaurito nel giro di qualche ora. Insomma una gradita conferma da parte dei clienti e una grande soddisfazione per i cuochi e i volontari di cucina e cassa, che fin dai giorni scorsi si sono dati da fare per la buona riuscita dell'evento, il cui ricavato viene generalmente devoluto a favore della comunità.
E.T.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco