Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 34.813.533
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 13 novembre 2017 alle 13:56

Valmadrera: preso il ladro seriale di soldi alle macchinette del caffè della ''Vassena''

Da 7/8 mesi è disoccupato, dopo avere passato più di metà della sua vita, ben trent'anni, a lavorare come idraulico in un'azienda di Calolziocorte che però lo ha lasciato a casa. Separato, convivente con una nuova compagna e un bimbo piccolo a carico, l'uomo comparso questa mattina davanti al giudice Salvatore Catalano tradotto dai carabinieri di Valmadrera che lo hanno arrestato in flagranza nella serata di domenica, ha patteggiato a un anno e sei mesi di reclusione e 500 euro di multa.

Al tentativo di furto commesso ieri presso la scuola primaria "Vassena" di Valmadrera, si sono aggiunti gli altri 5 messi a segno tra il 2 agosto e il 31 ottobre nella medesima struttura e che lo stesso G.M. ha confessato. Da mesi, infatti, si era alla "caccia" del responsabile dei furti di monetine dalle macchinette del caffè. Roba da poco che, tuttavia, aveva destato non poca preoccupazione, se non fosse altro per la ripetitività con cui si consumavano, uno dopo l'altro, questi episodi. E domenica sera, infatti, all'interno della scuola c'era una coppia di carabinieri appostata nella speranza di sorprendere il ladro. L'attesa non è stata vana. Mentre i due militari si trovavano in un'aula hanno sentito giungere dei rumori dall'androne della scuola e, una volta raggiunto l'ingresso, si sono ritrovati di fronte l'uomo con i mano due cacciaviti e una torcia, intento a scassinare la macchinetta. Interrotto "sul più bello" l'uomo non ha comunque opposto resistenza e si è consegnato ai carabinieri che lo hanno tradotto in caserma, dove si è attribuito anche i 5 colpi precedenti, e questa mattina è stato sottoposto al rito per direttissima, assistito dall'avvocato Ivana Montani, per il tentato furto di domenica e per quelli consumati nei mesi precedenti.
Il giudice, come richiesto dal vpo Mattia Mascaro, ha convalidato l'arresto disponendo gli arresti domiciliari e ammettendo poi l'imputato al patteggiamento.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco