Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 34.814.057
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 13 novembre 2017 alle 23:15

Lecco: in viale Montegrappa il parabrezza di un'auto in transito centrato da un sasso

Un colpo secco sul parabrezza, il vetro che in un attimo si riga, il piede che di riflesso preme sul freno per arrestare la marcia e la sensazione di aver visto, sul marciapiede a margine della carreggiata, alcuni ragazzini allontanarsi, facendo perdere le loro tracce. Questo quanto descritto al 112 da un automobilista in transito questa sera lungo viale Montegrappa, provenendo da via Nassyria, a Lecco: è successo intorno alle 19.30 e, dalla centrale operativa, immediatamente sono state inviate in posto le pattuglie in servizio in città per accertare l'accaduto. Difficile al momento stabilire se si sia trattato di un "fattaccio" accidentale oppure di un gesto volontario e dunque se il sasso che ha colpito il cristallo dell'automobile dell'uomo, rimasto vistosamente scheggiato, sia "rimbalzato" dall'asfalto o se sia stato intenzionalmente lanciato da qualcuno, magari proprio dai giovani notati a poca distanza, all'indirizzo del mezzo in transito. Ciò che è certo è che alla conducente è andata - tutto sommato - bene: spavento a parte e vetro da sostituire, non ha riportato conseguenze. Immaginiamo che, in quegli istanti, il suo pensiero sia corso alla donna che, solo qualche giorno fa, a Cernusco sul Naviglio è morta di crepacuore a causa del "botto" causato da un masso lasciato contro la vettura su cui viaggiava insieme ad altre persone, di ritorno da un incontro di preghiera. Un fatto di cronaca tanto recente che fa il paio con la denuncia di un camionista, anch'egli vistosi sfondare il parabrezza da una grossa pietra lasciata cadere da dei ragazzini da un cavalcavia in Piemonte. Emulazione a Lecco? Spetterà alle Forze dell'ordine dare una risposta.

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco