Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 34.813.825
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 14 novembre 2017 alle 12:57

Civate: revisione del patrimonio documentario della Biblioteca comunale

Verranno eliminati fisicamente nei prossimi mesi 503 documenti e 14 annate di periodici considerati come “non più appartenenti al patrimonio della Biblioteca comunale di Civate” in quanto logori e/o obsoleti e, quindi, non più rispondenti alle finalità della biblioteca stessa.
“Si tratta di una attività regolarmente previste nella gestione e nella valorizzazione delle raccolte documentarie”, è scritto nell'atto pubblicato all'albo pretorio a firma del dottor Pietro Mastronardi, Segretario generale del Comune di Valmadrera, nonché titolare della sede di segreteria convenzionata tra i Comuni di Valmadrera, Sirone e Civate. “Le collezioni delle biblioteche di pubblica lettura sono sottoposte a revisioni periodiche, essendo tali, sia per esigenze pratiche di spazio, sia per buona funzionalità del servizio nella prospettiva di un necessario incremento delle raccolte stesse con prodotti editoriali aggiornati”.
L’eliminazione fisica dei documenti dagli scaffali di Civate avverrà mediante conferimento ad altre Biblioteche che ne avessero fatto richiesta oppure mediante la donazione ad associazioni, enti o privati cittadini: solo da ultimo, infatti, si perverrà alla distruzione degli stessi, nel caso in cui essi non trovassero diversa collocazione.
Su tutti i volumi oggetto dell’operazione di scarto è stato fatto il controllo del catalogo collettivo del Sistema Bibliotecario provinciale al fine di verificare l’opportunità della cancellazione e la disponibilità di altre copie in altre biblioteche del territorio: i documenti in questione vanno rimossi, in quanto non più adibiti al pubblico servizio. Ma in ogni caso si provvederà al riacquisto dei documenti eliminati e alla sostituzione delle eventuali lacune secondo la normativa biblioteconomica vigente, tenuto conto delle risorse finanziarie disponibili.
M.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco