Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 36.018.821
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 04 dicembre 2017 alle 09:30

Calolziocorte: un ''tuffo'' nel Galavesa col documentario di Mariella e Grazia

Mariella Acerboni e Grazia Ferroni hanno deciso di raccontare in un video le bellezze e la storia del Galavesa, il torrente che scende dal Resegone e, dopo aver attraversato Erve e Vercurago, si tuffa nell'Adda.
Un corso d'acqua che ha disegnato l'orografia della Valle ma anche la storia e il lavoro delle popolazioni. Le sue acque sono state per secoli il motore del territorio, spingendo con instancabile costanza mulini, magli, opifici.



Ed è proprio questo quello che Mariella e Grazia hanno voluto raccontare attraverso un documentario che raccoglie, con le immagini di Ivo Bonaiti, il frutto di tante ricerche di archivio e di raccolta di testimonianze dirette. Per descrivere un mondo che oggi sembra scomparso nel quale l'acqua era fonte di energia e di lavoro. Non a caso il filmato - presentato sabato pomeriggio nel salone parrocchiale di Calolzio - si intitola: "Il Galavesa, un corso d'acqua operoso".
Si parte dalla fonte del torrente, che in realtà sono 2 diverse sorgenti a monte del rifugio Capanna Monza e si arriva fin alla foce, passando tra cascate, salti a strapiombo, pozze incontaminate, canyon millenari. Un viaggio che Mariella e Grazia ci permettono di vivere seguendo la corrente del fiume, trasportati dalle stesse acque che scendono rapide e vorticose dal Resegone.

Il filmato permette di scoprire aneddoti e racconti e ricostruisce il complicato sistema di "seriole", ovvero canali, chiuse, ruote e mulini che erano necessari a trasformare il flusso idrico in energia meccanica.
Grazie alla ricerca di Mariella e Grazia si conoscono i nomi dei proprietari di macine e magli che sorgevano lungo le rive del torrente: famiglie operose e artigiane che dipendevano dalla forza del Galavesa  (ma anche da tanta fatica e dal sudore del lavoro manuale). L'acqua azionava macine per la farina ma anche macchinari per la lavorazione del ferro, opifici e filande. Oggi gran parte di quelle strutture sono state profondamente modificate ed attraverso il filmato si scopre proprio come tante abitazioni che incontriamo oggi lungo le rive nascondono un passato industriale. Basta solo aguzzare la vista per riconoscerne i segni, intravedere le seriole tra i campi. Spesso però le vecchie testimonianze sono state distrutte: i numerosi lavatoi dove generazioni di donne hanno faticato sono stati abbattuti.
Ripercorrendo la discesa del Galavesa, viene ripercorsa anche la storia di Erve e Calolzio. E' grazie al torrente che sorgono in città le aziende più importanti (Gavazzi, Sali di Bario, Safilo) del '900, che non a caso avevano ciascuna una apposita centrale elettrica "nascosta" nel canyon per il loro funzionamento.

Oggi delle 3 centrali, una è stata riconvertita, la seconda è abbandonata e a terza è quasi completamente distrutta.
La corrente dell'acqua è stata sostituita dalla corrente elettrica e il Galavesa non è più così operoso come un tempo. Ma rimane un torrente di grande bellezza, amato dagli escursionisti che salgono verso il Resegone, dai ragazzi che si tuffano tra le rocce, dai pescatori e - ultimamente - anche dagli intrepidi appassionati di canyoning.
Il documentario di Mariella e Grazia è anche una dichiarazione d'amore per il territorio: "Abbiamo voluto raccontare il Galavesa per farlo conoscere e per promuoverlo. Il nostro è un prodotto non a scopo di lucro, amatoriale, realizzato grazie alla collaborazione di tanti cittadini che ci hanno aiutato, ci hanno fornito indicazioni, ci hanno raccontato l'evoluzione del torrente. Realizzando abbiamo scoperto moltissime storie che non conoscevamo: vogliamo contribuire a raccontarle".

P.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco