Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 36.018.943
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 06 dicembre 2017 alle 19:37

Civate: dalle serate in compagnia alla fine. Dichiarato il fallimento della Chevrolet snc

Dopo vent’anni d’attività il Tribunale di Lecco ha sancito la fine della Chevrolet snc, la società che legava indelebilmente il proprio nome al pub di via Roncaglia a Civate, “covo” di appassionati dal genere desiderosi di trascorrere una serata in compagnia tra buona cucina, birra, musica e il bigliardino. L’impresa è stata decretata fallita nei giorni scorsi, con nomina del dottor Dario Colasanti quale giudice delegato e del dottor Stefano Mocarelli di Merate quale curatore. Nata nel 1997 aveva quale oggetto il commercio al dettaglio diretto o mediante appalto a terzi nel settore della ristorazione nonché la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande per cocktail parties, cerimonie, momenti di intrattenimento e riunioni aziendali.
La decisione del Tribunale è arrivata dopo la dichiarazione di inammissibilità del concordato preventivo presentato nel giugno scorso e su istanza di due soggetti, un civatese classe 1963 ed un cittadino straniero con casa a Valmadrera, classe 1983. Il primo attende di ricevere poco più di 6.000 euro mentre il secondo “avanza” ben 30.000 euro. Secondo quando riportato in sentenza, a motivazione di quanto decretato dai giudici Ersilio Secchi, Mirco Lombardi e Dario Colasanti, nel corso del 2016 sarebbero stati emessi nei confronti della snc civatese tre decreti ingiuntivi per il pagamento di 22.819 euro, disattesi. A carico inoltre della Chevrolet penderebbero due procedure esecutive immobiliari. A riprova dello stato d’insolvenza e dell’impossibilità di reperire liquidità per far fronte ai creditori vi sarebbe infine – oltre alle dichiarazioni rese dei titolari – anche l’elevazione negli ultimi mesi di 10 protesti cambiari per 9.400 euro di debiti non pagati. Da qui il fallimento, esteso, trattandosi di una snc, ai soci illimitatamente responsabili Luca Loise e Anna Maione.

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco