Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 55.585.304
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 08 febbraio 2018 alle 09:35

ASST di Lecco: uno stato di agitazione inevitabile

L'assemblea al Presidio ospedaliero di Bellano concluderà il ciclo di incontri organizzati da RSU e OOSS per discutere con le lavoratrici e i lavoratori della ASST di Lecco. Durante le assemblee sono emerse diverse criticità, alcune riconducibili direttamente alla gestione interna del personale, altre a scelte "esterne" imposte da normative nazionali e regionali che impongono tagli alla spesa dei dipendenti. Negli ultimi anni la sanità lombarda è stata oggetto di una vera e propria rivoluzione (l.r. 23 evoluzione del sistema socio sanitario) che ha determinato la creazione di due nuove realtà: ASST di Lecco (ex Azienda ospedaliera) e ATS della Brianza (nata dalla fusione delle ASL di Lecco e Monza). Le modifiche organizzative non hanno visto il coinvolgimento attivo dei lavoratori, che hanno subito passivamente scelte calate dall'alto, spettatori inermi di eventi che avrebbero dovuto vederli protagonisti. Ancora una volta sono loro a pagare. Oltre alla riforma, dal 2009 hanno dovuto subire il blocco del contratto nazionale di lavoro, la legge Brunetta e una vergognosa campagna diffamatoria del lavoro pubblico. Dalle assemblee è emersa una situazione preoccupante: il personale è insufficiente rispetto ai carichi di lavoro e a poco bastano le rassicurazioni che ci fornisce la Direzione aziendale. L'attuale sistema che regola le assunzioni non basta nemmeno a sostituire il personale uscente. L'invecchiamento della popolazione lavorativa, determinato dal blocco imposto dal sistema pensionistico, sta determinando una condizione insostenibile nei reparti, nei servizi territoriali e negli uffici. Altrettanto non aiuta una gestione del personale spesso troppo burocratica e poco attenta alle reali esigenze dei lavoratori, che non è stata in grado di fornire risposte adeguate ai problemi. Le carenze di personale spesso sono gestite attraverso i rientri in servizio e l'utilizzo del lavoro straordinario, strumenti previsti dalla normativa contrattuale, ma che alla fine sfiancano il personale e che causano però un aumento delle malattie e degli infortuni sul lavoro. È giunto il tempo di valorizzare realmente i servizi territoriali (ADI, SERT, CONSULTORI), superando la logica ospedalocentrica, verso una politica orientata al potenziamento dei servizi e del personale. Le assemblee ci hanno consegnato un mandato inequivocabile, aprire lo stato di agitazione per rappresentare a tutti i livelli istituzionali le condizioni in cui sono costretti a operare quotidianamente i dipendenti della ASST di Lecco. Durante l'incontro del 6 febbraio, avvenuto tra le categorie confederali delle funzioni pubbliche (FP CGIL LECCO, FP CISL LECCO/MONZA, UIL LARIO), abbiamo ribadito alla direzione aziendale che per la FP CGIL lo stato di agitazione rappresenta un GRIDO DALL'ALLARME che non può restare inascoltato. La FP CGIL di Lecco chiede l'impegno formale della ASST di Lecco nel segnalare a Regione Lombardia le criticità relative alla carenza di personale e di risorse economiche. Riteniamo che, nonostante le regole inique che governano la sanità a livello nazionale e regionale, sia possibile giungere in breve tempo accordi condivisi sulla gestione della mobilità interna, sulle progressioni orizzontali, sulla gestione part time temporanei, sulla conciliazione tempi di vita/ lavoro, sulla gestione parcheggi aziendali. Bisogna mettere in campo ogni azione volta a migliorare le condizioni di chi lavora.
Crediamo che l'ASST di Lecco sia un'eccellenza nel panorama della sanità nazionale grazie all'impegno del personale che va valorizzato e non denigrato. È necessario aprire una nuova stagione nelle relazioni sindacali, fatta di confronto e di scontro, quando necessario. Chiediamo più concretezza e meno parole, più accordi e meno proclami. Il nostro obiettivo resta e rimane quello di migliore la condizione materiale di chi lavora, non abbiamo la necessita di spettacolarizzare o denigrare nessuno: più fatti e meno parole. La FP CGIL di Lecco conferma la decisione di proclamare lo stato di agitazione di tutto il personale della ASST di Lecco.
Catello Tramparulo, segretario generale FP Cgil LC
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco