Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 52.294.017
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 13 marzo 2018 alle 10:30

Valgreghentino: cacciatori e cani protagonisti delle gare di selvaggina liberata

Ennesimo appuntamento per i cacciatori locali e i loro fidati compagni a quattro zampe, che nel pomeriggio di domenica 11 marzo - nonostante la pioggia incessante - si sono ritrovati nel vasto spiazzo verde in località Prà Maggiore (Miglianico) per le loro consuete competizioni firmate dalle sezioni Federcaccia di Lecco e Valgreghentino.


Nell’ambito della prima prova del Campionato Provinciale Lecchese organizzato dalle sezioni di cacciatori ANUUMigratoristi, dalla mattina fino al tardo pomeriggio circa una cinquantina di cani "da ferma" e "da cerca" si sono così sfidati in una gara su selvaggina liberata senza sparo, sotto lo sguardo vigile di un centinaio di spettatori tra addestratori e simpatizzanti.




Ancora una volta i fieri e preparati protagonisti sono stati esemplari di diverso tipo, tutti accomunati da un fiuto infallibile ed una fiducia incondizionata nei confronti del proprio padrone: dagli immancabili cani da ferma di razza inglese come i Setter il cui nome deriva dal singolare modo di puntare (in inglese, "to set") la preda, o ancora i Breton, i Bracchi tedeschi e quelli francesi.




A destreggiarsi insieme a loro sul manto verde incuranti del fango e della pioggia sono stati anche diversi Springer Spaniel inglesi, abili cani da cerca capaci di "entrare in emanazione" non appena si imbattono nella preda, per poi far "saltare" l'animale intercettato senza aggredirlo.




Nonostante il tempo inclemente la giornata si è così dimostrata un'occasione di divertimento e sano agonismo, ma soprattutto una lezione di fiducia e collaborazione sia per i concorrenti a quattro zampe che per i loro padroni, la cui affinità spontanea ha creato ancora una volta quell'essenziale sinergia artefice dei risultati portati a casa durante la competizione.
F.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco