Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 52.432.522
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 16 aprile 2018 alle 12:08

Da 'Alleanza per Garlate' altre 4 interrogazioni, a breve in cc

Manutenzione della segnaletica stradale, telecamere, orti sociali e automezzi comunali: sono questi i temi al centro di altre quattro interrogazioni presentate nei giorni scorsi al sindaco Giuseppe Conti dal gruppo consiliare di opposizione “Alleanza per Garlate”, che già una settimana fa si era “fatto sentire” con ben tre mozioni (clicca qui) pensate “per dare una visione unitaria del paese da un triplice punto di vista (turistico, culturale e commerciale)”.

“Sono molti i cittadini che con il passare del tempo ci segnalano vistose carenze relative alla sicurezza stradale e una forte percezione di pericolo per le pessime condizioni della segnaletica orizzontale in numerosi tratti del paese”: così si apre la prima delle quattro interrogazioni, con la quale Daniele Cortenova, Omar Riva e Dario Colombo chiedono al borgomastro quali interventi sono programmati da qui a fine anno (e con quale calendarizzazione) per risolvere tale problema. Il secondo documento riguarda, invece, le telecamere presenti sul territorio comunale, di cui si chiede un “censimento” finalizzato a capire quante e quali siano effettivamente operative. “Esiste un progetto per creare una vera e propria “rete”, collegata alla Stazione dei Carabinieri o al Comando dei Vigili?” domandano i consiglieri di minoranza. “Si fa presto a parlare di telecamere, ma un sistema di videosorveglianza è ben altro…”.

“È ormai da parecchio tempo che a Garlate si discute di orti sociali, tuttavia il progetto non è mai partito completamente” prosegue il gruppo, con la terza interrogazione. “Quali aree sono già state affidate e quali costi ha richiesto la loro realizzazione? Quante ne verranno ancora create e con quali tempistiche?”. Breve focus, infine, anche sugli automezzi a disposizione del Comune, uno dei quali (nello specifico quello in dotazione allo stradino) sarebbe inutilizzabile. “Vorremmo conoscere le cause del fermo e i tempi per il reintegro” concludono Cortenova e colleghi. “Questa situazione sta diventando spiacevole e imbarazzante per tutti”. Le quattro interrogazioni verranno presumibilmente discusse - insieme alle tre mozioni - nel prossimo Consiglio Comunale.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco