Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 54.354.644
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 14 maggio 2018 alle 08:11

Lecco: 'bombe di colori' filati a maglia agli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi

Un turbine di coloratissimi lavori a maglia ha investito il giardino dell’Istituto Airoldi e Muzzi di Lecco nella giornata di domenica 13 maggio.

Alberi, panchine, gazebo e staccionate sono stati avvolti da un morbido abbraccio multicolor grazie ai lavori a maglia realizzati dagli ospiti della struttura. L’estrosa iniziativa, che si è tenuta in occasione della “Festa dei Colori nel parco” e si inserisce nel progetto comunale “Aver cura del bene comune”, è di origine statunitense e prende il nome di “yarn bombing”, letteralmente “tempesta di filati”.

Al microfono l'assessore Simona Piazza. A suo fianco il presidente dell'IRAM Giuseppe Canali

L’obiettivo è quello di creare delle installazioni di lavori a maglia, di grande impatto visivo per l’allegria dei colori e la vivacità degli elaborati. Con il progetto “Coloriamo il parco”, iniziato diversi mesi fa, sono stati realizzati lavori a maglia sia con i ferri che con l’uncinetto, poi assemblati e utilizzati per rivestire le piante e gli arredi del parco degli Istituti. Con l’aiuto degli educatori, dei fisioterapisti e dei volontari, gli ospiti coinvolti hanno potuto così valorizzare e stimolare le loro capacità motorie residue e mantenere allenata la memoria procedurale. L’attività ha anche favorito momenti di socializzazione, non solo per quanti abitualmente frequentano il laboratorio di terapia occupazionale, ma anche per chi ha spontaneamente costituito piccoli gruppetti di lavoro nelle residenze, oltre a coinvolgere alcuni dipendenti abili nel lavoro a maglia.

Il progetto ha “investito” anche l’oratorio feriale della Parrocchia di Olate, il centro “Il Giglio” di Pescarenico e una classe del Liceo Artistico Medardo Rosso che ha realizzato dei progetti per l’installazione nel parco, ora esposti nella sala animazione degli Istituti.
All’inaugurazione delle opere, accompagnata dalla Banda “Giovanni Brivio” di Rancio e dalla presenza del gruppo folkloristico “Renzo e Lucia con i Firlinfeu”, hanno partecipato anche il presidente dell’IRAM Giuseppe Canali, che ha ringraziato tutti i partecipanti per l’impegno investito e il bel risultato raggiunto insieme, e l’assessore alla cultura del comune di Lecco Simona Piazza, che ha concluso: “il progetto “Aver cura del bene comune” è nato nel 2015 con la volontà di lavorare insieme ai giovani per rigenerare questa città. Con la vostra iniziativa avete aggiunto un tassello a questo quadro, grazie al contributo degli anziani che aiutano i giovani a crescere. Grazie di cuore e avanti così, l’anno prossimo potremmo tempestare di colori anche altri parchi della città grazie al vostro aiuto”.

I festeggiamenti sono proseguiti nel pomeriggio con il concerto per cori e orchestra cui hanno partecipato la Corale S. Agostino della Parrocchia Sacra Famiglia del Pascolo, la Corale S. Maria Assunta della Parrocchia S. Maria Assunta in Celana e la Little Big Orchestra diretta dal Maestro Damiano Bonanomi. Infine l’associazione amici e sostenitori degli Istituti ha offerto il gelato a tutti i presenti.
Elena Toni
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco