Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 45.977.590
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 15 maggio 2018 alle 11:28

Olginate, auto 'smontata' e pezzi rubati: la brutta disavventura del consigliere Secchi

Andrea Secchi
Brutta disavventura quella capitata al consigliere di opposizione olginatese Andrea Secchi a Milano, nella tarda serata di sabato 12 maggio: di ritorno da una cena al ristorante in zona Tortona, dunque in un quartiere elegante e raffinato, a poca distanza dal silos Armani, si è infatti ritrovato l’automobile – una Bmw serie 5 Touring grigia, ritirata dal concessionario soltanto dieci giorni fa e parcheggiata poche ore prima in via Bergognone – mezza smontata. Seguendo un copione che ormai pare ben collaudato, con il quale vanno a colpire, appunto, soprattutto vetture di marca Bmw e Mercedes, i malviventi hanno letteralmente sminuzzato la plancia anteriore del mezzo, rubando l’intero blocco del navigatore e della radio, oltre al climatizzatore e ad alcuni oggetti personali presenti all’interno dell’abitacolo tra cui pochi contanti, documenti e occhiali griffati. Il tutto senza lasciare tracce, probabilmente in una manciata di minuti: un violento colpo al finestrino posteriore, andato completamente in frantumi, e poche, rapide mosse, da veri professionisti “del mestiere”, per asportare i pezzi ritenuti di valore, da tempo al centro di un florido mercato nero. Un episodio che ha lasciato grande amarezza nel consigliere Secchi, che non ha potuto fare altro che constatare quanto accaduto e sporgere denuncia ai Carabinieri. Da un primo bilancio, i danni si aggirerebbero intorno ai 13.000 euro.


“A sconcertarmi di più è stato in primis il fatto che, nonostante l’allarme dell’antifurto, a nessuno dei passanti che sicuramente si trovavano in zona sia venuto il benché minimo scrupolo di intervenire, almeno per verificare la situazione” ha commentato Andrea Secchi.




“Purtroppo, però, viviamo sempre nella paura di trovarci nel posto sbagliato al momento sbagliato, in una costante insicurezza che ci porta a dimenticare completamente il nostro senso civico: ormai è così, e la colpa non è delle forze dell’ordine, che fanno davvero tutto il possibile e a volte anche l’impossibile, ma di un sistema giudiziario inadeguato, vecchio, lento. In questo caso, peraltro, pare che a me sia andata ancora bene, dato che i ladri hanno lasciato al loro posto sia il volante che la leva del cambio: almeno sono riuscito a tornare a casa…”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco