Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 54.045.598
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 15 maggio 2018 alle 19:00

Bandiera strappata, Magni: 'offeso il nostro passato e il nostro futuro'. Brivio: 'la rimetteremo'

La Bandiera al suo posto, in una foto scattata a novembre
A destra Marco Magni e il sindaco Virginio Brivio
"La rimetteremo con ancor più orgoglio".
Non ha dubbi il sindaco di Lecco Virginio Brivio.
Commentando la notizia della Bandiera intenzionalmente strappata dal pennone del parchetto di Piazza V Alpini, il primo cittadino lecchese ha parlato  di "fatto molto grave per ciò che il Tricolore rappresenta. Si sarà trattato - aggiunge in riferimento all'autore del gesto - di un imbecille, che non merita spazio".
Dello stesso avviso anche il presidente della Sezione di Lecco dell'ANA: "Abbiamo a che fare con gente che pensa in questo modo di dare chissà quale segnale agli alpini" ha sostenuto infatti Marco Magni. "Sono soggetti semplicemente irrispettosi di chi ha dato tutto, anche la vita, per la Nostra Italia. La Bandiera, poi, con i suoi colori richiama alle montagne (con il verde), alla neve (il bianco) e il sangue (il rosso) di chi ha combattuto per renderci la Nazione che siamo. Di fronte a questa ignoranza noi non possiamo che rispondere con gesti concreti" ha aggiunto, facendo anche riferimento alla posa della targhe previste per sabato sulle facciate di due ex ospedali militari della città e alla contestuale consegna della nuova stalla edificata proprio con l'impegno delle penne nere di Lecco, Como, Monza e della Valtellina ad una famiglia di allevatori di Visso messa in ginocchio dal terremoto. "Aver agito in quel parchetto appena riqualificato è segno di mancanza di rispetto per la città e per la gente del quartiere che quotidianamente lo vive" ha infine chiosato il numero uno dell'Ana lecchese. "Germanedo ha come punto di riferimento quello spazio, in Piazza V Alpini, apprezzato dagli anziani e dai bambini. Chi ha strappato quella Bandiera ha dunque offeso il nostro passato ma anche il nostro futuro".
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco