Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.753.638
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 05 giugno 2018 alle 13:50

Lecco: con Castelnuovo e Tavola, Maggianico al 'top' della ricerca scientifica mondiale sul dolore

Il professor Gianluca Castelnuovo
Maggianico, ormai, non è più soltanto terra di musicisti e scapigliati, ma anche di ricercatori clinici. È appena stato pubblicato un importante articolo sulla rivista scientifica internazionale "Frontiers in Neurology" firmato, tra i circa quaranta esperti, anche dai lecchesi Gianluca Castelnuovo e Mario Tavola, e incentrato sugli esiti di una Consensus Conference sul tema della gestione del dolore cronico. Il lavoro, dal titolo "What is the Role of the Placebo Effect for Pain Relief in Neurorehabilitation? Clinical Implications From the Italian Consensus Conference on Pain in Neurorehabilitation", ha visto coinvolti i principali ricercatori italiani nel settore e le maggiori società scientifiche di fisiatria e neurologia, oltre che diversi esperti internazionali.

“Non posso nascondere la mia personale soddisfazione per questa prestigiosa pubblicazione” commenta Gianluca Castelnuovo, professore associato di psicologia clinica all’Università Cattolica di Milano e ricercatore-clinico all’IRCCS Istituto Auxologico Italiano, già noto nel territorio lecchese come Presidente dell’ALDE-Associazione Lariana Donatori di Sangue, Emocomponenti e Midollo Osseo. “L’obiettivo dell’articolo – frutto di un lavoro corale all’interno di un’equipe multidisciplinare – voleva essere quello di fare il punto della situazione sul tema del dolore cronico e del “placebo”, con una particolare attenzione agli aspetti psicologici della terapia, indagati a fondo soltanto in tempi recenti seppur noti, almeno parzialmente, da millenni. Già Ippocrate, del resto, diceva che “si cura con tocco, rimedio e parole”, facendo riferimento, con l’ultimo termine del trittico, all’importanza di stabilire un costante dialogo con il paziente già sottoposto a diversi trattamenti sanitari, ascoltandolo nei momenti di maggior fragilità e aiutandolo a comprendere le cure alle quali è soggetto, magari accentuandone gli effetti benefici".

Il dr. Mario Tavola
"Il potere del “placebo” - prosegue il professore - è ormai considerato una solida realtà scientifica, positivamente applicabile in un approccio di cura bio-psico-sociale a 360 gradi, in un complesso e continuo lavoro psicologico sulla persona con dolore cronico: si tratta dunque di un principio cardine, sul quale all’Istituto Auxologico Italiano fondiamo, ad esempio, anche la cura degli ultra 60enni affetti da obesità. Per me è stato un onore coordinare un gruppo di ricercatori di così alto livello”. Il professor Gianluca Castelnuovo, come accennato, non è l’unico maggianichese tra gli autori dell’articolo. Nell’elenco, infatti, figura anche il dr. Mario Tavola, primario dell’Unità di Anestesia e Rianimazione dell’ASST di Lecco, che si è occupato principalmente della parte più strettamente farmacologica del progetto. “Con Mario, compagno di molte avventure anche extra-cliniche (e penso, per esempio, alla Fiaccolata Pol. 2001 e alla Spring Run), vi è un’intesa scientifica da tempo, tanto che questo è il terzo articolo scientifico scritto insieme, oltre ad un libro (Psicologia Clinica del Dolore, Springer) pubblicato nel 2010” conclude Castelnuovo. “Sarà l’aria buona di Maggianico, ma per ora le idee anche nella ricerca clinica non ci mancano. Quindi non mi resta che dire… alla prossima sfida!”.

CLICCA QUI per leggere la pubblicazione completa.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco