Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.753.423
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 04 luglio 2018 alle 15:00

In viaggio a tempo indeterminato/31: meraviglia Angkor Wat

Ci sono luoghi nel mondo che abbiamo immaginato e sognato, ma una volta arrivati ci hanno un po' deluso...
Ecco, Angkor Wat NON è uno di quelli.

CLICCA SULL'IMMAGINE PER VISUALIZZARE IL VIDEO

Ci arriviamo la mattina che è ancora buio.
Sono le 5, siamo davanti all'entrata e abbiamo già percorso quasi 4 km in sella alle biciclette sgangherate prese in affitto. Con il biglietto in mano passiamo i controlli... che spesa quel biglietto! 
37$ a testa per due che viaggiano con 10 euro al giorno sono parecchi, "speriamo ne valga almeno la pena!" ci diciamo. Attraversiamo il ponte sul canale e, inspiegabilmente, inizia a salire l'emozione come se inconsciamente sapessimo di stare per assistere a uno spettacolo unico.
Le scale e poi un passaggio in un corridoio e siamo all'interno del parco. Notiamo in lontananza il profilo del tempio. E' inconfondibile... lo abbiamo visto su tutte le bandiere della Cambogia in queste settimane.

La luce è ancora bassa e il sole sta iniziando timidamente a mostrarsi. Ci avviciniamo il più possibile ai laghetti per avere la vista migliore. E ci fermiamo ad aspettare. Nell'acqua paludosa davanti a noi è tutto un saltare, fare bolle e suoni strani... ma non c'è abbastanza luce per capire di cosa si tratti.
Ed ecco che piano piano il blu del cielo inizia a scaldarsi e colorarsi dei toni del rosa e dell'arancio. E quella che prima era solo una sagoma scura prende forma e si arricchisce di dettagli rispecchiandosi nell'acqua. Passano i minuti e rimaniamo estasiati da tanta bellezza. Prendiamo la macchina fotografica e iniziamo a scattare ed ogni foto ci sembra più bella della precedente.

E' difficile da spiegare, ma ci sentiamo talmente felici di essere lì in quel momento che ci sembra che non esista altro.
Siamo solo noi e Angkor Wat. E così non ci accorgiamo quasi di essere circondati da tante altre persone, alcune con gli stessi nostri occhi spalancati, altri impegnati a trovare lo scatto perfetto e qualcuno intento a gustarsi la colazione al sacco che gli ha dato l'hotel... ognuno reagisce in modo diverso davanti alla bellezza.

Potete seguire il nostro viaggio ogni settimana su LeccoOnline, sul nostro blog Beyond the Trip-Viaggio a tempo indeterminato oppure sulla pagina Facebook.
Articoli correlati:
16.12.2017 - IN VIAGGIO A TEMPO INDETERMINATO
Angela e Paolo
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco