Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 49.038.636
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 11 luglio 2018 alle 17:53

Incidente mortale sul Karakorum: il Ragno Bernasconi membro della spedizione

Grave incidente questa mattina in Pakistan sulle montagne della catena del Karakorum dove una spedizione italiana stava tentando la prima ripetizione della cresta nord-est del Gasherbrum IV (7925 m), quando attorno alle 6 (ora italiana) uno dei membri del gruppo, il caporal maggiore scelto dell'Esercito Maurizio Giordano, è precipitato da un seracco di ghiaccio e ha perso la vita. A nulla son valsi i tentativi di soccorso dei compagni che hanno solo potuto recuperare il corpo per riportarlo al Campo 1.

I membri della spedizione in una foto tratta dal sito dei Ragni

Il graduato era partito per la spedizione alpinistica della Sezione militare Alta montagna del Centro addestramento alpino dell'Esercito, assieme al maggiore Valerio Stella, al caporal maggiore capo Marco Majori, al caporal maggiore scelto Marco Farina e alla guida alpina bellanese Daniele Bernasconi, membro del gruppo Ragni di Lecco e alpinista esperto. Era la prima esperienza di Giordano in quest'area, sicuramente un progetto stimolante: la via è stata aperta esattamente 60 anni fa dal gruppo guidato da Riccardo Cassin e vide sulla vetta la straordinaria cordata costituita da Carlo Mauri e Walter Bonatti. La spedizione militare era stata presentata anche lo scorso maggio all'auditorium Casa dell'Economia di Lecco nell'ambito della rassegna Monti Sorgenti. "Non è semplice affrontare difficoltà tecniche a quelle quote - aveva spiegato Bernasconi in quell'occasione - Ma tutto laggiù è difficile e duro. Il GIV è una montagna che mi è sempre piaciuta, credo sia davvero più complicata di altre visto che pochissimi sono arrivati sulla vetta principale e che non esiste una "via normale" per salire. Ho pensato molto se accettare l'invito e alla fine ho deciso di concedermelo: è dal 2013 che non vado in Karakorum. Quella zona è il concentrato di montagne più belle che abbia mai visto, c'è una quantità di cime, e quindi di sogni, che non basterebbero 10 vite per realizzare".
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco