Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 59.249.454
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 16 luglio 2018 alle 08:10

Somasca: inaugurato l’affresco per il monumento dei caduti

Domenica 15 luglio dopo la celebrazione della Santa Messa delle ore 10.00 è avvenuta l’inaugurazione del nuovo affresco sovrastante il monumento dei caduti di Vercurago: grazie ad un generoso benefattore si è potuto decorare la nicchia che sormonta la lapide con i nomi dei concittadini morte nel corso delle due Guerre.
A realizzare l’affresco è stata l’artista Rosalba Citera che dopo 10 duri giorni di lavoro ha mostrato questa meravigliosa opera d’arte. L’idea, come ha spiegato la creativa, è nata tre anni fa grazie al sostegno di Sergio Sesana, venuto a mancare con grande dispiacere poco tempo fa, Padre Livio Valenti e il comune di Vercurago con l’intento di onorare in maniera significativa un monumento così importante.

Durante la cerimonia dopo un breve discorso introduttivo da parte dell’artista, la parola è passata a Giovanna Virgilio, docente universitario di storia dell’arte. “L’opera realizzata ad affresco è destinata a durare per secoli e quindi è adatta a tramandare un messaggio ai posteri che debba essere durevole; inoltre è una tecnica che è indissolubilmente legata al luogo in cui sorge. Tutte queste caratteristiche rispecchiano pienamente lo spirito con cui è nata la volontà di realizzare questo affresco, ovvero onorare e trasmettere nel tempo il ricordo dei caduti e dei valori che incarnano. Al centro vi è rappresentata la Madonna incoronata con due angeli che le sorreggono il mantello aperto così come lo sono le braccia di Maria ad eterna protezione del giovane che ha donato la sua vita e della sua famiglia. Il tema rappresentato è evidentemente tragico ma la vena poetica che contraddistingue Rosalba Citera priva la rappresentazione di ogni residuo di drammaticità in modo tale da trasmettere un messaggio di speranza e pace”.

Alla celebrazione hanno preso parte il primo cittadino Carlo Greppi e la giunta, felici di aver potuto contribuire alla realizzazione di questo progetto.
In conclusione della cerimonia Padre Livio Valenti, parroco di Somasca, dopo la benedizione dell’affresco e della lapide, ha tenuto un commovente discorso sull’importanza del fare memoria di coloro che ci hanno preceduti e dei valori che hanno incarnato e che rappresentano tutt’oggi le radici della nostra società.
La cura per il monumento dei caduti è stata rivolta anche alla lapide con i nomi dei 17 giovani venuti a mancare durante la Prima e la Seconda guerra mondiale che è stata rimessa a nuovo da una restauratrice in modo da rendere chiaramente visibili i nomi che con il tempo erano andati sbiadendo. 
V.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco