Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 54.202.224
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 09 agosto 2018 alle 18:46

Lecco: si accettano proposte per il futuro di Villa Guzzi, indagine di mercato

Villa Guzzi
Come preannunciato in sede di presentazione del Documento unico di programmazione, il Comune di Lecco ha avviato un’indagine di mercato esplorativa per la valorizzazione di Villa Guzzi: le manifestazioni d'interesse dovranno arrivare al Protocollo entro le ore 12 di lunedì 1 ottobre 2018. Come puntualizzato dall’avviso pubblico, fruibile sul sito istituzionale dell’Ente, si tratta meramente di una raccolta di idee da parte di eventuali soggetti che vorrebbero poi essere eventualmente invitati in una successiva fase di gara. Lo scopo dichiarato è infatti quello di “acquisire proposte progettuali di utilizzo funzionale alla conservazione e valorizzazione dell’immobile e del parco che siano in grado di offrire concrete opportunità di sviluppo e promozione per il territorio […]. La proposta dovrà anche contemplare interventi di manutenzione straordinaria/restauro, messa a norma e/o potenziamento degli impianti, con oneri a completo carico del proponente”.
Come noto infatti la Villa di via allo Zucco, che in tempi recenti ha ospitato la sede del CONI, non versa in condizioni ottimali pur non avendo mai perso il proprio fascino signorile, con ambienti interni che, nella zona padronale, presentano ancora elementi di una certa ricercatezza come pavimenti ricoperti con moquette, pareti tappezzate o rivestite, come i soffitti, in legno noce oppure ancora il marmo rosè utilizzato nei servizi solo per restare al piano rialzato.
I soggetti interessati ai fini dell'invito alla successiva procedura, potranno far pervenire la propria di manifestazione di interesse , sottoscritta e corredata da una relazione che descriva l'attività che si intende svolgere nell’immobile in oggetto, l’entità del canone che si intende erogare al Comune e la durata della concessione (comunque non superiore ad anni 20) . Il tutto restando all’interno di una delle 4 cornici così descritte:
--- Ambito culturale:
promozione, organizzazione e realizzazione di iniziative e attività culturali anche in collaborazione con enti pubblici e privati; gestione e organizzazione di eventi e manifestazioni culturali, di spettacolo dal vivo, mostre, location, convegnistica, con possibilità di ospitare sedi, anche temporanee, di attività culturali in senso lato; promozione di attività cinematografiche e audiovisive, musicali, artistiche e dello spettacolo; diffusione nel territorio della cultura, della conoscenza e della tutela del patrimonio storico artistico
--- Ambito turistico ricettivo:
- potranno realizzarsi programmi di intervento volti all’offerta di servizi di ristorazione e rinfreschi, attività di catering;
- gestione dell’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
- gestione di attività di turismo enogastronomico;
- attività di manutenzione, progettazione, realizzazione e gestione di aree verdi, orti, coltivazioni particolari
--- Ambito ludico ricreativo:
- attività didattiche, educative e ludico - ricreative aventi rilevanza sociale;
--- Ambito economico – sindacale:
. attività correlate all’organizzazione di ordini professionali e/o d’impresa, o dei lavoratori, anche di livello sovracomunale.
Il complesso immobiliare (che esclude la foresteria sita a poca distanza dalla villa e attualmente locata) sarà attribuito in concessione d’uso nello stato di fatto e di diritto in cui lo stesso si trova.

Per visualizzare l’avviso, clicca qui
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco