Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.353.918
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 10 agosto 2018 alle 13:48

Lecco: ultimati i lavori allo stadio, il Comune elogia l'impegno dei richiedenti asilo

Appuntamento al Ceppi Rigamonti sotto il sole di S.Lorenzo. Una conferenza stampa all’aperto per decretare la fine dei lavori all’impianto sportivo che tra poche settimane ospiterà una Calcio Lecco carica di ambizioni. Si respirava un’aria di ottimismo anche perché, accanto agli aspetti tecnici e operativi, si è aggiunta una connotazione sociale grazie al processo di integrazione curato da volontari che ha visto in azione un gruppo di giovani immigrati.

Al centro il sindaco Brivio e il Questore Guglielmino

Dopo il manto del campo - in anni lontani rinomato per la sua morbidezza e tenuta - rifatto con erba sintetica , oggi le gradinate hanno ripreso i colori blucelesti, garantendo una scenografia che fungerà da stimolo ai calciatori, come ormai avviene in ogni stadio italiano e estero.
Il Sindaco Virginio Brivio ha ricordato: “Il campo potrà essere più tecnico per le partite della prima squadra ed inoltre, potrà essere utilizzato in maniera più intensa. In tutte le città lo stadio è punto di riferimento e dopo anni in cui non avveniva la manutenzione è stata fatta un’operazione straordinaria”.
E’ toccato poi al questore Filippo Guglielmino: “Uno stadio accogliente e piacevole potrà invogliare i tifosi a venire e magari, perché no, a comportarsi in modo corretto senza episodi violenti”.
Il lavoro dei 180 migranti , ospitati nelle strutture del territorio provinciale, è durato 5 settimane ed è stato imponente. Ha comportato un impegno giornaliero per i ragazzi, la Questura e il Comune.

Angelo Battazza e Marta Casalone

Bamba, un migrante volontario, ha voluto ringraziare Palazzo Bovara e le cooperative per aver dato ad ognuno di loro l’opportunità di mostrare le proprie capacità e per aver avuto fiducia nel loro lavoro per la riqualificazione della struttura. “Siamo orgogliosi di noi stessi perché abbiamo realizzato un capolavoro. Dobbiamo affermare la nostra positività e il nostro valore. Siamo stati capaci di coordinarci e di portare avanti un ottimo intervento per la città di Lecco che è la nostra terra d’asilo”.

La Vicepresidente di “Lezioni al Campo” Marta Casalone ha parlato rivolgendosi direttamente ai richiedenti asilo, ringraziandoli per il lavoro svolto: “Siete riusciti a cambiare la faccia di questo posto. Siete stati fortissimi e bravissimi perché avete avuto un’idea eccezionale: avete messo in mostra voi stessi attraverso la dignità del lavoro. Sapete coordinarvi perché al vostro interno ci sono competenze specifiche. Avete dimostrato quanto siete bravi e quanto siete attivi a chi parla senza conoscervi”.

L’uomo bandiera della Calcio Lecco, il vicepresidente Angelo Battazza, ha ringraziato gli immigrati per l’impegno e per aver lanciato anche un messaggio di integrazione che è in linea con i valori dello sport. Una pagina concreta è stata scritta in quest’estate laboriosa sia per l’impianto sia per attrezzare la squadra che il presidente Di Nunno ha promesso di voler condurre alla promozione.
C.Ca.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco