Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 50.449.511
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 10 agosto 2018 alle 18:28

Calolzio, inquinamento acustico su Corso Dante-Europa: si risolve... con la 'variante'

L’amministrazione di Calolzio, con incarico chiaramente affidato dalla precedente Giunta essendo i dati aggiornati al 31.12.2017, ha redatto – come previsto dalla normativa in materia – servendosi di un professionista esterno emiliano, la mappatura acustica delle strade comunali che presentano flussi di traffico superiori a 3 milioni di veicoli all’anno ed il conseguente piano d’azione destinato a gestire i problemi di inquinamento acustico ed i relativi effetti. Su di una rete stradale di circa 50 km complessivi gestita dall’Ente al momento della rilevazione – terminata appunto ormai più di otto mesi fa – l’interesse si è focalizzato su corso Dante e corso Europa (per un totale di quasi 2,50 km), essendo (fortunatamente, verrebbe da dire) solo il tratto locale della sp639 interessato da passaggi così numerosi.

Il tratto di strada interessato

Partendo dalla schematizzazione del sistema viario al centro dell’attenzione, lo studio professionale prescelto ha proceduto alla redazione del piano d’azione che ha consentito di individuare aree critiche per elaborare poi una pianificazione per possibili interventi di contenimento del rumore stradale finalizzati al miglioramento della situazione acustica. Valutati positivamente, tra le azioni già compiute, l’introduzione dell’obbligo di utilizzo della tangenzialina per i mezzi pesanti che ha conseguentemente alleggerito – anche se sono diversi gli autotrasportatori che ancora oggi non rispettano le prescrizioni – la pressione veicolare sul centro nonché la posa delle barriere antirumore in corrispondenza delle rotonde tra Corso Dante e Via Padri Serviti e tra Corso Europa e via Mazzoni. Fanno sorridere invece le misure di contenimento immaginate a breve termine, con quelle a lungo termine (oltre il 2023) addirittura accantonate dallo stesso estensore in mancanza di certezze.

Traffico sulla strada oggetto dello studio

“Relativamente agli interventi pianificati nei prossimi 5 anni, l’amministrazione comunale ha previsto una sostanziale riduzione dei volumi di traffico sull’asse stradale in oggetto dovuta all’entrata in esercizio del primo stralcio della variante alla S.S. 639 - lotto “San Gerolamo”, ad oggi in corso d’opera” si legge infatti nel documento reso fruibile da oggi, 10 agosto, per l’eventuale presentazione da parte di soggetti interessati di osservazioni e suggerimenti che potranno risultare utili per la redazione finale del piano di azione 2018. Visto lo stato del cantiere e l’incertezza che regna sul tunnel, forse si è stati un po’ troppo ottimisti. E potrebbe rimanere sulla carta, visti i vincoli di bilancio, anche la proposta di riasfaltare con bitume fonoassorbente alcuni ampi spezzoni dei 2.5 km di strada presi in considerazione per complessivi 631.680 euro di spesa (pari a circa 40 euro al metro quadro).
“Per quanto riguarda la strategia a lungo termine la Provincia di Lecco ha predisposto la progettazione di un secondo stralcio di variante di tracciato che a partire da via De Gasperi- Via Lavello, con un percorso prevalentemente in galleria, si riconnetterà alla S.P. 639 in corrispondenza dell’intersezione con la Ss.74. Gli effetti di variazione del traffico del secondo stralcio sono previsti nel PGTU del Comune di Calolziocorte viene inserita nel presente Piano d’Azione solamente in termini di descrizione dell’intervento, dal momento che la sua completa realizzazione è prevista in uno scenario temporale certamente successivo al 2023. Per questo motivo, la nuova variante non viene inserita nel modello di calcolo e l’effetto di riduzione del traffico sugli attuali tracciati delle strade comunali, verrà eventualmente affrontato nel prossimo aggiornamento del Piano d’Azione”. Nella speranza che entro quel momento qualcosa si sia effettivamente mosso. Nel frattempo c’è tempo fino al 24 settembre per far provenire agli uffici comunali “dritte” utili per poi ufficializzare il Piano d’azione 2018.

Per la documentazione completa, clicca qui.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco