Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 55.746.818
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 12 settembre 2018 alle 08:36

Carenno: approvato il DUP, ora si attende il contributo di 700.000 € per la sicurezza

Ammonta a ben 765.000 euro la cifra che il Comune di Carenno tenterà di aggiudicarsi tramite un bando regionale (organizzato però attraverso fondi statali) per la messa in sicurezza del paese, e in particolare per la prevenzione di smottamenti e frane.

L'assise

È proprio per procedere con la richiesta di contributo, da inoltrare al Ministero entro il 20 settembre, che nella serata di ieri il Consiglio Comunale si è riunito in Aula per discutere il Documento Unico di Programmazione e il Piano dei Lavori Pubblici, entrambi riferiti al triennio 2019-21 e approvati all’unanimità dai presenti. Quattro, in totale, le opere previste, due delle quali di un importo superiore ai 100.000 euro e pertanto inserite nel Piano: la prima consiste in un importante intervento, per 350.000 euro, su via Boccio, dove l’intenzione è quella di effettuare una sistemazione dell’idraulica, con la regimentazione delle acque e la sistemazione delle banchine laterali talvolta soggette a smottamenti, installando inoltre nuovi guard-rail nei tratti che ne sono sprovvisti; la seconda opera, invece, del valore di 250.000 euro, riguarda la parte finale dell’arteria in salita verso Sopracornola, nonché la strada, poco sotto l’abitato, che da Calolzio porta a Carenno, dove un paio di anni fa si era verificato un fenomeno franoso con la conseguente chiusura al traffico veicolare per qualche giorno. In entrambi i casi, è dunque emersa la necessità di costruire un muro di contenimento e di posizionare almeno una rete paramassi sulla parete rocciosa.

Il sindaco Luca Pigazzini

“Per l’intervento su via Boccio avevamo già fatto un tentativo per ottenere finanziamenti con il “6mila campanili”, purtroppo non andato a buon fine” ha spiegato il sindaco Luca Pigazzini. “Ora siamo pronti a riprovarci, pur sapendo che non sarà facile dato che i bandi di questo tipo tendono spesso a privilegiare gli enti in dissesto: è successo così anche dodici mesi fa, quando nessun Comune lombardo era riuscito a rientrare in graduatoria e ad aggiudicarsi i fondi stanziati per la messa in sicurezza del territorio. I nostri lavori verranno avviati in tempi rapidi soltanto se arriveranno i contributi richiesti, altrimenti valuteremo in che modo agire: se le cose non andranno come sperato, questo potrebbe diventare un affare della prossima Amministrazione”.
Oltre a quelle più “corpose” già citate, come accennato in cantiere ci sarebbero poi altre due opere, di importo inferiore ai 100.000 euro ma comunque significative per il miglioramento della sicurezza del paese. Una riguarda il tratto iniziale di via Pertus, e in particolare la sistemazione del muro di contenimento all’incrocio con via XXV Aprile: la spesa prevista è di 95.000 euro, 25.000 in più di quelli stimati per la seconda opera, ovvero l’allargamento della parte finale di via Roma, in direzione di via Baraccano e a poca distanza dall’incrocio con via San Martino. Con i progetti, insomma, il Comune di Carenno ha fatto la sua parte: ora non resta che incrociare le dita e attendere gli esiti di questo nuovo bando, che si auspica possano essere finalmente positivi.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco